Giovedì, 21 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Bosch a ConnectedWorld Berlino, come l'IoT cambierà la vita

Motori
© ANSA

Quello che Bosch, il colosso tedesco dell'innovazione e dei servizi, presenta all'edizione di ConnectedWorld Berlino è un futuro in cui la vita di tutti i giorni sarà non solo più comoda, ma anche più sicura ed efficiente: a casa, al lavoro, in movimento. A guidare questa trasformazione, che comprende evidentemente anche la 'rivoluzione' della mobilità, sarà l'Internet delle cose (IoT), un settore in cui Bosch vanta enorme esperienza, con applicazioni in ogni ambito.
Molti gli esempi che sono stati svelati oggi a Berlino: la soluzione integrata di ricarica e navigazione Convenience Charging di Bosch permette ai guidatori di auto elettriche di fare una pianificazione del percorso che tenga conto di fattori come soste di ricarica necessarie, lfacilità di rifornimento e pagamento. Grazie ai servizi di geolocalizzazione, Bosch aiuta gli automobilisti a sfruttare al meglio il tempo necessario per la ricarica, trasformandola in una sosta produttiva. La piattaforma di prenotazione integrata permette dunque di prenotare in pochi minuti un ristorante nei pressi della colonnina. Convenience Charging di Bosch comprende anche servizi di ricarica mobile, che consentono di ricaricare il veicolo elettrico anche se non ci sono prese nei paraggi.
A questo scopo, Bosch ha siglato un accordo con fornitori di terze parti - come la start-up di Berlino Chargery - che offrono un servizio completo portando l'energia direttamente nel punto in cui si trova l'auto.Bosch presenta a Berlino anche i sistemi di aggiornamenti del software delle auto tramite Cloud. Grazie ad una soluzione wireless, che comprende le tecnologie di crittografia e l'accesso all'IoT Cloud di Bosch, viene eliminata la necessità di rivolgersi al concessionario per aggiornare il software della propria auto. Già oggi più di cinque milioni di automobili eseguono già gli aggiornamenti software over-the-air con la suite Bosch IoT.
Per la comunicazione vehicle-to-everything (V2X), Bosch ha sviluppato una centralina di connettività smart in grado di comunicare utilizzando tutte le tecnologie di trasmissione basate su Wi-Fi o rete mobile. I veicoli che ne sono dotati possono comunicare tra loro o con l'ambiente esterno, indipendentemente dalla marca o dal Paese in cui sono utilizzati. In questo ambito Bosch collabora con la start-up portoghese Veniam per gestire la complessa attività di connessione dei dati. Il software ricerca costantemente la migliore tecnologia e passa automaticamente da una soluzione all'altra, così da consentire una connessione stabile e costante del veicolo, elemento fondamentale per segnalare situazioni di pericolo.
A Berlino Bosch mette in mostra anche la sua attività nell'ambito della sicurezza IT dei veicoli connessi ed eventualmente autonomi. Dato che pirati informatici potrebbero accedere ai dati del veicolo o alle chiavi crittografate durante la fase di produzione - in aggiunta ai cyberattack messi in atto sui veicoli connessi per arrivare ai sistemi di backend - l'approccio olistico di Bosch prevede di combinare la sicurezza IT in fase di produzione, la sicurezza IT integrata e la sicurezza IT aziendale. Escrypt, azienda consociata di Bosch, sviluppa a questo scopo soluzioni che coinvolgono tutta la catena di valore dell'auto: dalla produzione fino ai dispositivi di connessione passando per i sistemi di backend connessi e i servizi di mobilità.
Da Bosch arriva anche Vivatar Drive, l'angelo custode digitale per chi si move a piedi o in auto, facendo arrivare velocemente i soccorsi quando richiesti. Combinando l'App Vivatar con la nuova presa Vivatar Telematics e ò'adattatore retrofit e-Call (che si inserisce nell'accendisigari dell'auto) Vivatar Drive rileva gli incidenti e, in caso di emergenza, invia automaticamente una chiamata con richiesta di intervento utilizzando l'assistente di emergenza Bosch, in qualunque posto dell'Europa occidentale l'auto si trovi. In questo modo, Vivatar drive può essere applicato anche alle auto che non sono dotate del sistema di chiamata di emergenza eCall.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X