Lunedì, 29 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Life Style

Home Life Style Migranti e detenuti diventano 'attori' e recitano Dante

Migranti e detenuti diventano 'attori' e recitano Dante

Life Style
© ANSA

(ANSA) - FIRENZE, 15 GIU - Ci saranno anche detenuti, migranti, persone con disagio economico, fisico e psichico e a rischio di esclusione sociale, assieme a tanta gente comune, tra gli oltre 130 'attori' che domenica 18 giugno, con repliche che andranno in scena all'alba e al tramonto (5.30, 7.00, 18.30, 20.00 e, una straordinaria, alle ore 21), reciteranno terzine dantesche nel Giardino Bardini a Firenze. E' la prosecuzione del progetto 'Piume 2021', proposto dall'associazione Culter (lo scorso anno si svolse nel Campanile di Giotto) in vista delle celebrazioni per i 700 anni della morte di Dante Alighieri del 2021.

L'obiettivo è offrire un'opportunità di educazione popolare e un'esperienza di inclusione rivolta anche a fasce marginali spesso escluse dalla vita culturale. L'ingresso per il pubblico è gratuito ma con prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento (www.culter.it oppure al numero 347/1947343 dalle 9 alle 17). Attraverso lo strumento offerto dalla poesia, i partecipanti possono fare un'esperienza culturale e artistica che finisce per accomunarli al di là delle appartenenze sociali, religiose, professionali. La rappresentazione è stata preceduta da alcuni mesi di formazione alla lettura, comprensione e interpretazione della Divina Commedia guidate da Franco Palmieri, regista, educatore e drammaturgo e da Luisa Cortesi danzatrice e coreografa, che si sono svolte quest'anno prevalentemente presso il Centro Slataper di Firenze, la struttura gestita da quasi due anni dalla cooperativa 'Il Cenacolo', oggi luogo di assistenza e integrazione delle persone più svantaggiate.

Il progetto dell'Associazione Culter è realizzato col contributo di Comune di Firenze e Fondazione CRF; la collaborazione della Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron e il sostegno di Publiacqua, Coop. Il Cenacolo, Fondazione Brunello e Federica Cucinelli, Mazzanti Piume, Aquaflor Firenze. L'idea è di coinvolgere, ogni anno, anche case circondariali, scuole, associazioni e cooperative che in città si occupano di disagio e di inclusione sociale. (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X