Sabato, 26 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Europa

Home Europa L'Ue lancia Eumam, missione di addestramento per le truppe ucraine

L'Ue lancia Eumam, missione di addestramento per le truppe ucraine

Primo piano
L'Ue lancia Eumam, missione di addestramento per le truppe ucraine
© ANSA

All'inizio di questa settimana, l'Ue ha lanciato ufficialmente una missione di addestramento per le truppe ucraine denominata Missione di assistenza dell'Unione europea in Ucraina (EUMAM Ucraina). La decisione generale di istituire la missione era già stata presa dai ministri degli Esteri il 17 ottobre. L'Ungheria è stato l'unico Paese a non votare a favore, ma si è avvalso della possibilità di un'astensione costruttiva, il che implica che il Paese non partecipa né finanzia la missione. L'Austria aveva già dichiarato che avrebbe sostenuto la missione, ma non intendeva esserne parte attiva.

Si tratta della più grande missione di addestramento militare che l'Ue abbia mai lanciato. Mira a preparare i primi 15.000 soldati ucraini per il campo di battaglia. La missione è inizialmente progettata per due anni e dovrebbe costare circa 60 milioni di euro all'anno. Il denaro proviene dall'European Peace Facility, un fondo che è stato utilizzato anche per coprire il costo delle consegne di armi da parte dei membri dell'Ue all'Ucraina. La missione sarà svolta da una ventina di Stati membri.

Sede della missione in Polonia e Germania
L'hub principale della missione sarà in Polonia, paese confinante con l'Ucraina, con un quartier generale secondario in Germania. Il ministro della Difesa tedesco Christine Lambrecht ha dichiarato in un incontro con le controparti dell'Ue a Bruxelles che Berlino ha in programma di addestrare 5.000 ucraini "in una vasta gamma di competenze" entro il prossimo giugno.

La Slovenia parteciperà alla missione con alcune dozzine di istruttori, che dovrebbero essere schierati in Germania, ha annunciato martedì a Bruxelles il segretario di Stato del ministero della Difesa Damir ?rn?ec. Gli istruttori devono fornire una formazione prevalentemente specialistica, ha affermato, osservando che la proposta deve ancora essere confermata dal governo. Il ministero sta conducendo discussioni interne su come la Slovenia potrebbe partecipare e quali competenze specialistiche dei membri dell'esercito sloveno potrebbero essere utili. Il tipo di esperti che la Slovenia invierà dipende anche dalle esigenze dell'esercito ucraino, ha affermato ?rn?ec, ma ha aggiunto che per il momento non c'erano piani per l'addestramento dei soldati ucraini in Slovenia.

Partecipazione di altri paesi
Il ministro della Difesa spagnolo, Margarita Robles, ha annunciato nella riunione del Consiglio di martedì che il Paese sarà in grado di addestrare 2.400 soldati ucraini all'anno nell'ambito di questa missione, anche se ha ricordato che la Spagna ha già addestrato più di cento membri delle forze armate ucraine forze individualmente a Saragozza, Almería, Toledo e Madrid. "La Spagna è sempre stato un alleato coinvolto in tutte le missioni dell'Unione Europea, e capiamo che questa missione è importante per aiutare l'Ucraina", ha detto Robles a Bruxelles.

Il ministro belga della Difesa Ludivine Dedonder ha annunciato che il suo paese metterà a disposizione per la missione da 50 a 100 soldati. L'esercito belga è specializzato nello sminamento terrestre e marittimo ed è pronto a condividere questo know-how. Il mese scorso il governo ha già deciso di invitare i soldati ucraini in Belgio l'anno prossimo per imparare a utilizzare nuove attrezzature per disinnescare gli esplosivi. Ma a seconda delle esigenze e delle richieste di Kiev, il Belgio sarebbe disposto a fornire anche altre forme di addestramento, come addestramento al combattimento e supporto al fuoco, comunicazioni e traumatologia sul campo di battaglia.

La Bulgaria formerà quattro unità su un totale di 60 infermieri e personale medico militare ucraino a Sofia. Il Parlamento dovrebbe decidere in merito alla missione già la prossima settimana. 

Alla riunione dei ministri degli Esteri del 14 novembre, il ministro rumeno degli Affari esteri Bogdan Aurescu ha sottolineato la necessità di continuare a sostenere l'Ue per l'Ucraina a tutti i livelli: politico, finanziario, militare ed economico, ed ha fatto un plauso al lancio dell'EUMAM Ucraina e all'adozione di misure di assistenza nel quadro dello European Peace Facility. Il ministro ha anche affermato che la Romania continuerà a fornire un sostegno multidimensionale all'Ucraina e ha ricordato gli sforzi della Romania per facilitare l'esportazione di grano e altri prodotti ucraini attraverso i porti marittimi rumeni.

Situazione poco chiara in Croazia
Il governo croato vuole partecipare alla missione di addestramento dei soldati ucraini, ma non è detto che ciò accada, perché il presidente Zoran Milanovi?, che ha autorità sull'esercito, si oppone. Come comandante in capo delle forze armate, il presidente può bloccare la decisione del governo. La sua opposizione può essere scavalcata da una maggioranza di due terzi in parlamento. Dopo aver ribadito la sua contrarietà il 15 novembre, Milanovi? ha affermato: “Lasciate che il Parlamento discuta la questione, se due terzi dei parlamentari prenderanno una decisione in tal senso, lo accetterò”.
Il governo croato accusa Milanovi? di avere opinioni filo-russe. Per il capo di Stato croato la partecipazione di Zagabria alla missione militare europea implicherebbe un coinvolgimento del Paese nella guerra. Dal canto suo Milanovi? accusa governo e ministri di aver tentato di aggirarlo nel processo decisionale in materia di affari esteri e difesa. Dopo l'incontro di martedì, il ministro della Difesa Mario Banoži? non è stato in grado di dire in che modo esattamente la Croazia sarebbe coinvolta: “Non posso commentare la modalità fino a quando non passerà organi di coordinamento, in primis il governo. La modalità è stata proposta dall'esercito croato, sulla base della sua esperienza in precedenti missioni e operazioni. Alla domanda se i soldati ucraini sarebbero stati addestrati in Croazia o in qualche altro paese membro dell'Ue, Banoži? ha affermato che erano state proposte entrambe le modalità.

Acquisti congiunti di armi
I ministri della difesa hanno anche discusso dell'acquisto congiunto di armi. Il ministro croato Banoži? ha accolto con favore i precedenti risultati di un gruppo di lavoro in termini di potenziale cooperazione e appalti congiunti. Anche il Belgio è favorevole agli appalti congiunti nell'Ue e ha già acquistato armi insieme ai suoi vicini, Lussemburgo e Paesi Bassi. Dopo l'incontro, il capo degli affari esteri dell'Ue Josep Borrell ha affermato che è stato individuato il fabbisogno di armi e che ora l'Ue si rivolgerà all'industria. 

Prima dell'incontro, Borrell ha avvertito che il continente potrebbe precipitare in una corsa competitiva per ricostituire le scorte esaurite dopo aver già fornito così tante armi all'Ucraina quest'anno. "L'importante - ha spiegato - è andare insieme, per evitare di dividere il mercato, per evitare la concorrenza". Il capo della diplomazia europea ha quindi sottolineato la necessità di evitare una situazione analoga a quella verificatasi "durante la pandemia di Covid-19 quando gli Stati membri dell'Ue facevano a gara per acquistare vaccini per i propri paesi". "Tutti insieme, tutti insieme fanno prezzi migliori, qualità migliore e tempi migliori", ha detto.

Bruxelles ha affermato che finora l'Ue ha fornito all'Ucraina armi e attrezzature militari per un valore totale di otto miliardi di euro, se si includono anche le consegne dei singoli Stati membri. Un valore pari a circa il 45% delle consegne di armi fornite dagli Stati Uniti.

 

Questo articolo è stato realizzato con i contributi di Agerpres, AFP, APA, Belga, BTA, dpa, HINA, EFE, STA nell'ambito del progetto della European Newsroom. 

© Riproduzione riservata

Con il contributo del Parlamento europeo
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X