Sabato, 30 Maggio 2020
stampa
Dimensione testo

Europa

Home Europa Coronavirus: l'Europa vuole tornare a pieno ritmo

Coronavirus: l'Europa vuole tornare a pieno ritmo

News
Coronavirus: l'Europa vuole tornare a pieno ritmo
© ANSA

XINHUA - BERLINO - La Commissione europea ha dichiarato in una recente previsione economica che, nonostante vi sia stata una risposta politica a livello sia dell'Unione europea che dei singoli stati membri, quest'anno l'economia dell'Ue vivrà una recessione storica a causa della pandemia di coronavirus. Tra i recenti segnali di stabilizzazione, l'Europa è ansiosa di riprendere il lavoro e la produzione. La graduale normalizzazione delle attività economiche in Europa, insieme alla ripresa economica in Cina, contribuirà efficacemente come stabilizzatore dell'economia mondiale, affermano gli analisti.

Recessione storica: La Commissione europea prevede che l'economia dell'area dell'euro e l'economia dell'Ue avranno una contrazione record del 7,75% e del 7,5%, rispettivamente, nel corso del 2020. "L'Europa sta vivendo uno shock economico senza precedenti dalla Grande Depressione", ha dichiarato il Commissario europeo per l'economia Paolo Gentiloni. Anche i rischi relativi alle previsioni sono eccezionalmente elevati e concentrati al ribasso, poiché non è certo quando finirà la pandemia, ha affermato il braccio esecutivo dell'UE. Per quanto riguarda il motore economico europeo, il prodotto interno lordo (PIL) in Germania è stato in calo stagionale e il calendario è stato adeguato del 2,2% nel primo trimestre 2020 rispetto al trimestre precedente, ha riferito venerdì scorso l'Ufficio federale di statistica (Destatis).

Il governo tedesco si sta preparando per la "peggior recessione" nella storia del Paese, con le previsioni che indicano un calo del PIL del 6,3 per cento quest'anno, ha annunciato alla fine di aprile il ministro dell'Economia e dell'Energia Peter Altmaier. Ad aprile, l'istituto statistico nazionale francese INSEE ha dichiarato che il suo PIL è crollato del 5,8 per cento nel primo trimestre, in quello che rappresenta il suo calo più profondo su base trimestrale dalla Seconda guerra mondiale. E il governo ha previsto una contrazione dell'8 per cento per l'intero anno.

La banca centrale BdF ha stimato che ogni contenimento di due settimane comporterebbe una perdita dell'1,5% del PIL. Nei primi tre mesi del 2020 il PIL britannico è diminuito del 2% su base trimestrale, il più grande calo trimestrale dalla crisi finanziaria alla fine del 2008, ha affermato l'Ufficio per le statistiche nazionali. "Tecnicamente una recessione è definita come due quarti del PIL negativo, ora ne abbiamo avuto uno ... quindi sì, ora è molto probabile che il Regno Unito stia affrontando una recessione significativa in questo momento e quest'anno", ha dichiarato il Cancelliere dello Scacchiere britannico Rishi Sunak. La situazione in Italia è ancora peggiore. Il PIL italiano si è contratto del 4,8 per cento nel primo trimestre, secondo quanto riferito dall'Istituto nazionale di statistica italiano il 30 aprile.

Varie misure di stimolo: Al fine di potenziare la sua risposta alla pandemia, dal livello europeo a quello dei singoli Paesi, tutte le principali economie stanno implementando varie misure di stimolo e stanno compiendo i loro migliori sforzi. La Banca centrale europea (BCE) ha recentemente deciso di lasciare invariati i tassi di interesse chiave per l'area dell'euro introducendo una serie di nuove misure. Il Consiglio direttivo della BCE ha dichiarato che il tasso di interesse di base dell'Eurozona rimarrà allo 0,00 per cento, mentre il tasso di prestito marginale e il tasso di deposito rimarranno rispettivamente allo 0,25 per cento e meno allo 0,50 per cento.

A livello nazionale, il 14 maggio il Ministero delle Finanze tedesco ha annunciato che il governo tedesco aveva adottato una serie di misure per aiutare le aziende e i dipendenti durante la crisi del coronavirus, ad esempio aumentando il sostegno finanziario nel lavoro di breve durata o fornendo prestiti alle imprese. Secondo il governo tedesco, un milione di domande di aiuto finanziario immediato per piccole imprese e lavoratori autonomi erano state approvate in meno di quattro settimane. Gli aiuti di stato approvati ammontavano a circa 8 miliardi di euro, secondo il Ministero federale dell'Economia e dell'Energia. I lavoratori autonomi e le piccole imprese con un massimo di 10 dipendenti possono richiedere fondi di emergenza fino a 15.000 euro dal governo tedesco. I fondi una tantum non dovranno essere rimborsati.

Dall'11 maggio in poi, la Francia ha iniziato un parziale e graduale alleggerimento delle misure di isolamento dopo otto settimane di rigorosa quarantena per arginare l'epidemia di coronavirus. Circa 400.000 attività non alimentari in Francia, che rappresentano 900.000 posti di lavoro, hanno riaperto. Per mitigare la ricaduta economica della pandemia, il governo francese ha mobilitato oltre 110 miliardi di euro per aiutare le aziende a rimanere a galla, che comprendono un regime di sussidi di disoccupazione parziali, garanzie sui prestiti statali e un differimento delle tasse e dei salari.

Nel Regno Unito, il governo ha reso noto un vasto piano di sostegno economico alla fine di marzo, dicendo alle imprese britanniche di tutte le dimensioni che avrebbe coperto l'80 per cento della retribuzione dei lavoratori che sono temporaneamente licenziati per un massimo di 2.500 sterline (2.903 dollari) al mese ciascuno, al fine di prevenire licenziamenti su larga scala derivano dalla pandemia di coronavirus. Durante la settimana, il gabinetto del Primo ministro italiano Giuseppe Conte ha approvato un decreto contenente misure finanziarie per un valore di 55 miliardi di euro a sostegno dell'economia colpita duramente dalla pandemia di coronavirus.

Stabilizzatore economico: Considerando tutte le misure, la ripresa nei Paesi europei è ufficialmente all'ordine del giorno. I lavoratori europei stanno tornando al lavoro e molte fabbriche stanno riprendendo la loro produzione. Nel frattempo, sono stati compiuti importanti progressi nella prevenzione e nel controllo dell'epidemia in Cina, con la ripresa della produzione che ha raggiunto un livello elevato. Questa situazione è di grande valore non solo per il ripristino dell'ordine economico in Cina e in Europa, ma anche per la graduale ripresa delle catene industriali e di approvvigionamento tra Cina ed Europa, ha dichiarato Tang Zheng, vice presidente del Comitato di lavoro europeo del CEATEC, un ente non governativo per la cooperazione tecnica ed economica tra Cina ed Europa.

"A lungo termine, aiuterà la continuazione del processo di globalizzazione", ha affermato.Nel frattempo, ha aggiunto, in quanto uno dei principali partner commerciali della Cina, la ripresa dell'UE avrà senza dubbio un ruolo positivo nel portare l'economia cinese sulla buona strada. Oltre ad espandere la cooperazione economica e fornire materiali anti-epidemici, Tang riteneva che la Cina potesse anche essere in grado di condividere la sua esperienza nella ripresa della produzione e aiutare l'Europa a ridurre il rischio di una seconda ondata di infezione. L'opinione di Tang è condivisa anche da Mao Xuxin, un economista del think tank londinese dell'Istituto nazionale di ricerca economica e sociale. Secondo Mao, con la ripresa del lavoro e della produzione delle imprese, l'economia cinese ha mostrato un forte segnale di ripresa dalla fine del primo trimestre.

Essendo la principale fonte di importazioni dell'UE e il suo secondo più grande mercato di esportazione, la Cina svolge un ruolo importante nella ripresa economica dell'Europa dallo shock pandemico. "In molte altre parti del mondo, la pandemia di COVID-19 non sta raggiungendo il suo picco e continua a causare un'emergenza sanitaria e una catastrofe economica. Con la ripresa economica sia dalla Cina che dall'Europa, le economie mondiali si avvicineranno alla stabilizzazione entro la fine di quest'anno e torneranno a crescere di nuovo nel 2021 ", ha detto Mao a Xinhua.

"Essendo l'unica grande economia con un indice direttori acquisti superiore ai 50 a marzo e aprile, la crescita economica della Cina è un efficace stabilizzatore per l'economia mondiale per evitare una profonda recessione quest'anno", ha aggiunto. Pierre Picquart, uno specialista francese in geopolitica e professore all'Università di Parigi-VIII, ha detto a Xinhua che la Cina ha già iniziato la sua ripresa economica. Mentre molti Paesi sono in una fase contenimento, l'economia cinese si è stabilizzata alla fine del primo trimestre del 2020.

La crescita è ricominciata in Cina nel secondo trimestre del 2020 e l'attività economica trova la strada dell'espansione, ha aggiunto, chiarendo che "il successo della ripresa economica della Cina è una grande notizia per tutte le nazioni ". Ciò significa che la "priorità numero 1" è quella di ripristinare la fiducia rivitalizzando l'economia cinese e globale, ha detto Picquart, aggiungendo che la ripresa economica della Cina farà rivivere l'economia mondiale.

© Riproduzione riservata

Con il contributo del Parlamento europeo
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X