Venerdì, 14 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società La Hunziker parla per la prima volta del suo dramma: "Prigioniera di una setta per 5 anni"

La Hunziker parla per la prima volta del suo dramma: "Prigioniera di una setta per 5 anni"

ROMA. Michelle Hunziker parla per la prima volta del suo dramma.

Lo fa in una intervista al Corriere della Sera ma anche nel suo nuovo libro "Una vita apparentemente perfetta".

La showgirl più sorridente della tv italiana racconta di quando è stata prigioniera di una setta per ben cinque anni, lontana dai suoi affetti più cari.

"Per loro ero la gallina dalle uova d'oro. Per anni ho avuto attacchi di panico e creduto che sarei morta per soffocamento per come aveva previsto la setta", ha esordito.

Un periodo buio raccontato finora solo al marito Tomaso: "Quando ci siamo conosciuti abbiamo condiviso tutto: lui i suoi lutti e io la mia esperienza dei cinque anni in una setta".

"Una volta uscita da lì - ha aggiunto - è stato un continuo tentativo di ricostruire la mia vita. Non è stato
facile accettare che fosse successo proprio a me".

La Hunziker aveva 23 anni e stava con Eros Ramazzotti. Sua figlia Aurora in quel periodo aveva solo 3 anni.

Nel tentativo di risolvere un problema ai capelli, la Hunziker si è imbattuta in una persona che l'ha sottoposta a varie sedute di pranoterapia.

"Mi sentivo miracolata", ha spiegato la Hunziker che ha iniziato ad aprirsi con questa persona, "Clelia", parlandole del suo rapporto difficile col padre alcolizzato.

"Vai a casa di tuo padre, suona il campanello e abbraccialo", le ha dunque suggerito Clelia.

Da lì a poco, la Hunziker si è fatta "catturare" da questa Clelia, e dai "guerrieri della luce".

"Clelia ti catturava per la bellezza e la purezza, emanata da abiti candidi e raffinati, dalla pelle idratata da oli essenziali. Era sempre profumata, con un sorriso pazzesco e un velo di abbronzatura".

La Hunziker ha dunque iniziato un percorso in cui, secondo la setta, avrebbe dovuto liberarsi dalla finzione, dall'energia negativa. E tra una cena e le riunioni in cui sono "canalizzate le energie dei defunti o degli spiriti", la Hunziker si è pian piano allontanata dai suoi affetti.

"Le canalizzazioni ci permettevano di sentirci protetti: forze superiori si scomodavano per indicarci la strada da seguire. La setta filtrava anche le chiamate: mia mamma veniva sempre respinta".

E' il periodo in cui la Hunziker ha iniziato la sua scalata nel mondo della televisione, a discapito del suo matrimonio con Eros che finisce: "Non avevo vere capacità: ero la pedina di un disegno superiore per diffondere il bene. Io che non avevo mai avuto un ruolo, adesso ero una guerriera della luce che portava il messaggio di Dio. Ma dovevo espiare i peccati commessi".

La Hunziker ha iniziato a trascorrere anche il Natale da sola: "Clelia diceva che non mi voleva nessuno. Era una sorta di castigo".

La Hunziker ha lasciato la setta nel 2006: "Una volta uscita, ho subito trovato una guida spirituale, frate Elia, che mi ha permesso di incontrare padre Amorth: mi ha rassicurata e poi mi ha benedetto. Ho ripreso a mangiare carne solo in attesa di Sole. Prima sentivo odore di cadavere. I ragazzi dell’età di Aurora si fanno domande, cercano i valori. Vorrei solo dire di credere negli affetti veri e non nei maestri. Se è capitato a me non deve per forza capitare a tutti".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X