Lunedì, 23 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Foto Politica Barometro politico: per Demopolis cresce il vantaggio del M5S

Barometro politico: per Demopolis cresce il vantaggio del M5S

ROMA. Se si tornasse oggi alle urne per le Politiche, il Partito Democratico otterrebbe il 31%, il Movimento 5 Stelle il 28,5%: è la fotografia che emerge dal Barometro Politico di dicembre dell’Istituto Demopolis.

La Lega è al 13,5%, Forza Italia al 12%. Staccati, sotto il 5%, Fratelli d’Italia, Sinistra Italiana ed Area Popolare.

Il PD di Renzi e il Movimento fondato da Grillo si confermano le due principali forze nello scenario politico del Paese. A beneficiare dell’effetto “Referendum” è in parte l’area di Centro Destra, con una lieve crescita del consenso per i partiti di Salvini e Berlusconi.

Nelle tendenze di voto rilevate dal Barometro Politico Demopolis, il PD, rispetto al dato nazionale, appare più debole nell’Isola, dove cresce invece leggermente il peso di Forza Italia e di Area Popolare. Ma il dato più rilevante è rappresentato dal peso crescente del Movimento 5 Stelle che, in Sicilia, sarebbe oggi primo partito, con un netto vantaggio su tutte le altre liste.

“Lo scontro referendario e l’ipotesi di Elezioni Politiche anticipate – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – hanno rinnovato l’interesse dei cittadini per il voto, confermando l’inversione del trend già evidenziato nel settembre scorso: l’affluenza che alle Politiche 2013 era al 75%, poi crollata al 59% nel maggio scorso, risalirebbe oggi al 66%, in netta crescita rispetto ai mesi precedenti”.

Per l’Italia sarebbe meglio tornare alle urne? Il 67% degli elettori ritiene che bisognerebbe votare in primavera, dopo la messa a punto della Legge elettorale. Più perplessa appare invece la rimanente parte degli intervistati: il 15% opterebbe per il prossimo autunno, il 12% per la scadenza naturale della Legislatura prevista nel febbraio 2018.

Demopolis ha chiesto infine una preferenza sulle Leggi elettorali di cui si parla. Gli italiani, come è naturale, non hanno un’idea precisa dei diversi sistemi: un quarto degli intervistati non esprime alcuna opinione in merito. La maggioranza relativa, il 40%, apprezzerebbe il Mattarellum, con il maggioritario uninominale nei collegi ed un 25% di correttivo proporzionale, già in vigore dal 1993 al 2005. Il 18% opterebbe invece per un ritorno al Proporzionale in vigore sino al 1992; al 17% andrebbe bene l’Italicum.

“Appare chiara – afferma il direttore dell’Istituto Demopolis Pietro Vento – la richiesta degli elettori di poter tornare ad eleggere candidati che siano reale espressione del territorio, superando le liste bloccate previste dal Porcellum”.

Nota informativa - L’indagine è stata condotta dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, il 19 e 20 dicembre 2016 su un campione stratificato di 1.500 intervistati, rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne. Coordinamento del Barometro Politico Demopolis a cura di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Supervisione della rilevazione con metodologia cati-cawi di Marco E. Tabacchi. Metodologia ed approfondimenti sull’analisi post elettorale su: www.demopolis.it

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X