Sabato, 18 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Catena di pace a Central Park per i 75 anni di John Lennon - Foto

NEW YORK. Pace oggi, ma anche la crisi dei migranti che attraversano terre e mari in cerca di un futuro migliore. «John sarebbe stato molto, molto, molto scioccato da quanto sta succedendo oggi nel Mediterraneo e in Europa», ha detto Yoko Ono che in onore del cantante dei Beatles che il 9 ottobre avrebbe compiuto 75 anni ne porta avanti il messaggio di militanza.

Una catena umana con 4 mila mani allacciate a Central Park per formare un gigantesco «peace sign». È il regalo di Yoko per quello che sarebbe stato il compleanno del marito se non fosse stato ucciso sotto casa, il Dakota, dall'altro lato del parco, l'8 dicembre 1980.

Central Park si è affollato fin da prima mattina. L'East Meadow, accanto alla Quinta Strada, era il luogo del
maxi-appuntamento per il quale era necessario registrarsi online. Lennon avrebbe compiuto gli anni il 9 ottobre e la sua vedova ha creato due momenti speciali per segnare l'anniversario: dopo la catena di pace a New York, Yoko accenderà la torre di luce «Imagine Peace» di Reykjavik.

«Che dia luce a tutti gli auguri di Pace nel Mondo da tutti gli angoli del pianeta», ha scritto la vedova Lennon sul sito dell'installazione che resterà accesa, come ogni anno, dal 9 ottobre all'8 dicembre, la notte dell'assassinio.

Yoko si aspettava oltre seimila persone (ne sono arrivate solo un terzo) per una celebrazione che ha incluso Dave Davies, il fondatore dei Kinks e altri gruppi musicali in un clima da festa di compleanno. I pasticcieri del popolare Baked By Melissa hanno donato 40 mila cupcakes in miniatura che sono state distribuite ai fan dopo esser state composte in un gigantesco mosaico a forma del simbolo della pace accanto alla Bethesda Fountain.

«John era un attivista importante, quello che ha fatto ha avuto un impatto sul mondo», ha detto la ultraottantenne vedova del musicista: «Un impatto che si continua sentire e che io ho ogni intenzione di portare avanti». New York, che Yoko Ono ha adottato dagli ani Sessanta, è il luogo ideale per la celebrazione. «Anche John un fanatico di new York, era innamorato di questa città». Lennon «era anche un 'emigrante', ecco perchè le immagini dei migliaia che fuggono da persecuzioni, guerre, fame e povertà estrema lo avrebbero toccato in modo speciale: «È un tema globale che attraversa sia i diritti umani che la vita umana e come tale va affrontato», ha detto Yoko.

Il più amato dei Beatles era nato a Liverpool il 9 ottobre 1940 e le celebrazioni toccheranno altre città oltre New York e Reykjavik. A Los Angeles la stella dedicata a John nella Walk of fame di Hollywood sarà il centro di discorsi e di una cerimonia di taglio della torta, mentre a Liverpool The Cavern, dove i Beatles suonarono circa 300 volte all'inizio della loro carriera, è stato organizzato un concerto commemorativo aperto dagli Original Quarrymen, la prima band di Lennon.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X