Domenica, 29 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Multimedia

Home Foto Multimedia Johnny Depp: volevo essere come Marlon Brando - Foto

Johnny Depp: volevo essere come Marlon Brando - Foto

VENEZIA. Delirio Johnny Depp. Da ore accampati davanti al red carpet con sacco a pelo e ombrellini parasole, pigiati in sala conferenze per vederlo e magari avere un autografo, in piedi in attesa del passaggio. Hai voglia a puntare sui film di ricerca: il pienone alla Mostra del cinema di Venezia lo fa lui con un film mainstream. Difatti, Fuori Concorso, Black Mass è un gangster movie classico e ben interpretato su uno dei criminali più famosi dell'America degli anni '70 e '80: Jimmy - Whitey - Bulger, assicurato infine alla giustizia con due ergastoli dopo aver dominato la scena del crimine di Boston in rivalità con Cosa Nostra.

Un red carpet ululante di adolescenti venuti apposta. «Ma non chiamateli fan - dice Depp in una bella giornata 'sì' - sono persone, così gentili da aspettarmi anche solo per dire ciao, darmi il benvenuto a Venezia e sostegno al film. Sono i miei capi, i nostri capi, quelli che vogliono andare in sala e mettono il loro cuore nel cinema magari per fuggire dal quotidiano. È commovente vederli e li ringrazio».

Giacca verde, ciuffo lungo che tocca nervosamente, tatuaggi, soliti anelli punk (più uno inedito a coprire l'unghia, nuovo trend?), barba appena accennata, birretta in mano, un Depp in ottima forma con la stampa tiene banco.

Per interpretare il film di Scott Cooper, in sala dall'8 ottobre da Warner Bros, si è trasformato ancora: stempiato, capelli tinti di biondo (Whitey è irlandese), volto scavato. Quando 'J', un vero ex della banda di Bulger, ormai pensionato, è andato sul set, chiamato a fare il consulente, «ha scosso la testa quando lo ha visto - racconta il regista - ho pensato al peggio invece mi ha detto 'sono stato al fianco di Bulger una vita, è impressionante quanto gli somigli'».

Depp incassa il complimento e spiega: "È il mio lavoro: penso che bisogna sorprendere ogni volta, dare qualcosa di diverso, inatteso. Bisogna evitare che il pubblico si annoi. È una strada pericolosa, ma per me è importante mettermi alla prova ogni volta. Spero che questo faccia comprendere come si possa sbagliare film e fare la figura del cretino". Riferimento non casuale: Depp spesso ha fatto flop anche con film molto attesi (il famoso The Lone Ranger). Ma insiste e stavolta si propone sociopatico in Black Mass, affiancato da un cast che comprende l'australiano Joel Edgerton (bravissimo) nel ruolo dell'agente dell'Fbi, amico d'infanzia del criminale, artefice di un patto scellerato d'alleanza per il quale alla fine finirà in galera; Dakota Johnson (la moglie di Burger), Kevin Bacon (capo Fbi), Benedict Cumberbatch (il fratello del boss, incredibilmente un senatore).

"Interpretare personaggi reali e in questo caso viventi richiede responsabilità in più anche se sono stati malvagi. Immaginarlo come era in azione, avendo a disposizione pochi filmati e qualche registrazione dell'Fbi, è stato complicato. Mi piaceva - racconta con generosità - far vedere quanto poteva essere amorevole, uomo di famiglia, uomo irlandese devoto alla mamma e al fratello e dieci minuti dopo ammazzare qualcuno. C'è qualcosa di poetico in questo personaggio non a caso quasi venerato da generazioni di migranti irlandesi di Boston. Fisicamente è stata un'impresa, lui era chiaro e con gli occhi blu 'perforanti', io scuro e con gli occhi del colore dell'asso di spade". Depp insomma ci ri-prova a lasciare il segno. E pensare che lui più che l'attore voleva fare il musicista "e non essere un ragazzino per i poster, ma è successo così 100 anni fa, intrappolato dal successo di una serie tv. I miei eroi si chiamavano Marlon Brando e John Barrymore, avrei voluto essere come loro".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X