Mercoledì, 18 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Foto Mondo Erutta il vulcano sottomarino, tsunami a Tonga: allarme in tutto il Pacifico

Erutta il vulcano sottomarino, tsunami a Tonga: allarme in tutto il Pacifico

Allarme tsunami in tutto il Pacifico meridionale, dall’Australia fino alla costa occidentale degli Stati Uniti e al Cile, dopo l’eruzione di un vulcano sottomarino al largo dell’isola di Tonga che ha costretto i residenti a fuggire verso le montagne. Le Hawaii sono già state colpite da piccole inondazioni.

Onde alte fino a 1 metro e 20 centimetri

L’eruzione del vulcano Hunga Tonga-Hunga Hàapai, a circa 65 km a nord della capitale di Tonga, Nukùalofa, ha provocato uno tsunami con onde alte circa 1,2 metri per il quale è stato emesso un allarme in un’ampia area del Pacifico che include il regno di Tonga, le Fiji e la Nuova Zelanda. Allo stesso tempo, il Pacific Tsunami Warning Center americano ha lanciato un’allerta tsunami per le Hawaii e la costa occidentale degli Stati Uniti, inclusa l’Alaska, e la provincia canadese della British Columbia, prevedendo onde fino a 60 centimetri, forti correnti e alluvioni sulle coste. Le Hawaii non hanno riportato danni segnalando solo «piccole inondazioni» in tutte le isole, mentre le autorità del servizio meteorologico americano avvertono i cittadini di «stare lontani dalle spiagge e dai porti dei luoghi indicati». Avvisi simili sono stati emessi dalle autorità in Cile e in Australia, dove una fascia di costa, che comprende Sydney, potrebbe essere colpita dalle onde dello tsunami. Ai residenti nello Stato del New South Wales è stato «consigliato di non andare sulle spiagge».

L'eruzione avvertita a 800 chilometri di distanza

L’eruzione di Hunga - catturata nelle immagini satellitari che mostrano una gigantesca nuvola di cenere, vapore e gas che sale dall’oceano - è stata avvertita a 800 chilometri di distanza, arrivando fino alle Fiji e a Vanuatu, dove le persone hanno riferito di aver sentito tremare il suolo e gli edifici per ore. Diversi filmati dei social media mostrano l’acqua entrare in una chiesa e in diverse case della capitale di Tonga, Nukùalofa, mentre alcune auto vengono travolte dall’acqua. In altri video pubblicati sui social media si vedono grandi onde che si infrangono a riva nelle zone costiere.

«Sembrava un’esplosione», il racconto degli isolani

«Sembrava un’esplosione», ha raccontato uno dei residenti di Tonga. «Il terreno e la casa intera hanno iniziato a tremare. Mio fratello ha pensato che fossero delle bombe esplose lì vicino, ma abbiamo subito capito che si trattava di uno tsunami dopo aver visto l’acqua entrare da tutte le parti. Abbiamo udito le urla delle persone tutt’intorno e molte persone hanno iniziato a fuggire verso le montagne», ha aggiunto. Anche il re di Tonga, Tupou VI, è stato evacuato dal palazzo reale di Nukùalofa e scortato da un convoglio della polizia in una villa lontana dalla costa. Molte zone di Tonga sono state colpite da un blackout quasi totale di energia elettrica, linee telefoniche e servizi Internet, il che significa che le informazioni sono scarse e l’entità di eventuali lesioni o danni alla proprietà non è ancora chiara.
Quello delle ultime ore non è stato un episodio isolato: il vulcano sottomarino ha iniziato a eruttare frequentemente a dicembre. Ha poi ripreso ad eruttare ieri, sparando in aria cenere, vapore e gas fino a 20 km di altezza, ma l’allerta tsunami era stata revocata dopo pochi minuti in quanto le onde anomale segnalate dal servizio meteo di Tonga erano arrivate a soli 30 centimetri di altezza.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X