Lunedì, 30 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Sanremo: Francini ed Egonu chiudono il cast femminile, Zelensky ospite

Sanremo: Francini ed Egonu chiudono il cast femminile, Zelensky ospite

Dopo aver lasciato il segno ai festival di Cannes e Venezia e, qualche giorno fa, ai Golden Globes, Volodymyr Zelensky sarà ospite, in videocollegamento, nella serata finale di Sanremo, sabato 11 febbraio. Ad annunciarlo, a sorpresa, in diretta da Kiev dove ha appena intervistato il presidente ucraino, è Bruno Vespa, ospite a Domenica in nel giorno in cui Amadeus svela al Tg1 i nomi delle ultime due co-conduttrici del festival: Paola Egonu, star della Nazionale di pallavolo femminile, e Chiara Francini, attrice e scrittrice, capace di passare con disinvoltura dal cinema alla fiction, dai romanzi al teatro.
Al desiderio espresso da Zelensky di portare il suo messaggio al festival risponde indirettamente, nelle parole dello stesso Vespa, Amadeus: «Caro presidente, la aspettiamo per la serata finale di Sanremo».
Egonu, regina del volley, sarà sul palco giovedì 9 febbraio, Francini venerdì 10, a completare così il cast delle presenze femminili che poteva già contare su Chiara Ferragni, protagonista con Amadeus e Gianni Morandi della prima serata di martedì 7 febbraio e della finale, e su Francesca Fagnani, all’Ariston mercoledì 8 febbraio. Ma al Tg1 delle 13.30 il direttore artistico annuncia anche il ritorno dei superospiti internazionali: i Black Eyed Peas, il trio californiano da 6 Grammy, 35 milioni di album e 120 milioni di singoli venduti, milioni di stream, saranno sul palco mercoledì.
Sono le stesse Francini ed Egonu a rivelare, in video, la loro presenza al festival. «Carissimo Ama e carissimi amici del Tg1, domenica scorsa ho ricevuto un vocale con una voce inconfondibile, la tua, Ama, e così è cominciata per me una settimana da 007: nessuno doveva saperlo. Oggi finalmente posso dirlo: ci vediamo a Sanremo, Ama, missione compiuta», sorride Francini. Talento e ironia, sguardo magnetico e battute fulminanti, paladina del movimento Lgbt+, giudice di ‘Drag Race Italià, alla seconda edizione su Real Time, in questi giorni Francini è in scena a Lucca con ‘Una ragazza come iò, one woman show scritto a quattro mani con Nicola Borghesi (che ne firma anche la regia) in cui ripercorre la sua vita, il percorso ‘sano e caparbiò dall’infanzia a Campi Bisenzio al successo. “Sanremo? Ci andrei subito. Sarebbe la gioia della mì mamma», aveva dichiarato qualche settimana fa. E oggi, pronta a tornare in scena con lo spettacolo che chiuderà la tournée a Nizza Monferrato il 17 gennaio, per riprendere poi ‘Coppia aperta quasi spalancatà nei panni che furono di Franca Rame, parla del festival come di «un sogno che si avvera per ogni ragazza italiana, un traguardo incredibile per una ragazza di provincia come me».
«Grandissima campionessa del volley, grande orgoglio italiano», nelle parole di Amadeus, Egonu racconta la sua gioia ai fan su Instagram: «Ciao ragazzi, ho una bellissima notizia, non vedevo l’ora di condividerla con voi. Ci vediamo a febbraio al Festival di Sanremo. Mi raccomando, non mancate». Classe 1998, nata a Cittadella da genitori nigeriani, la schiacciatrice, reduce dal bronzo ai Mondiali, ma anche dallo sfogo contro i commenti dei leoni da tastiera (“mi chiedono se sono italiana”) che l’avevano spinta ad annunciare l’intenzione - poi smentita - di lasciare la maglia azzurra, ha sfidato il muro del pregiudizio, dal razzismo alla sessualità, e si è divertita a prestarsi come modella per Armani e doppiatrice per Disney, nel cartoon ‘Soul’.
Amadeus mette a segno anche il colpo Black Eyed Peas: “Finalmente dopo tre anni Sanremo torna ad ospitare grandi nomi della musica internazionale. Arrivano da Los Angeles, da 25 anni realizzano hit note in tutto il mondo e mercoledì faranno ballare il pubblico in teatro a casa», nella stessa serata in cui l’Ariston accoglierà Al Bano, Massimo Ranieri e Gianni Morandi, per la prima volta insieme nella storia del festival. Critico il capogruppo di Fratelli d’Italia in commissione Cultura alla Camera, Alessandro Amorese: «La Rai è sempre più arcobaleno ma nel senso di becera propaganda Lgbt» in riferimento al gruppo americano Black Eyed Peas, dichiaratamente sostenitore di posizioni Lgbt.
Già confermati Salmo, che si esibirà dalla nave Costa ormeggiata davanti a Sanremo, e Mahmood e Blanco, che apriranno il festival con Brividi, la canzone con cui hanno vinto l’edizione 2022, a poco più di venti giorni dal fischio di inizio il direttore artistico è pronto ad altri annunci: una novità la regalerà domani all’amico Fiorello, che torna in onda in diretta con Viva Rai2!, un’altra notizia arriverà «al Tg1 in settimana».

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X