Giovedì, 05 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Gli 80 anni di Peppino Di Capri: dal twist alle hit romantiche, un successo senza tempo

Un anno fa ha celebrato i 60 anni di carriera sul palcoscenico del Teatro di San Carlo. Domani Peppino di Capri, al secolo Giuseppe Faiella, uno degli artisti italiani più amati nel mondo, compie 80 anni.

Ricorrenza importante ma che l'artista non festeggerà, visto il lutto per la recente scomparsa dell'amata moglie Giuliana. Raro esempio di longevità artistica che attraversa stili e generazioni, la sua dolce rivoluzione rock dalla fine degli anni '50 ha rinnovato la canzone napoletana rendendola 'cool'. Con un timbro vocale inconfondibile che rimanda al fascino dell'isola azzurra, alla magia dell'estate, dei suoi amori e a una romantica 'luna caprese', da voce del twist a elegante chansonnier ha fatto innamorare almeno tre generazioni.

Canzoni come 'Roberta' e 'Champagne', che fanno parte della storia della musica in Italia, sono cantate e amate ancora oggi, anche dai più giovani. Dalla gavetta nei night-club di Capri e Ischia con occhiali spessi e giacca di lamè, unico cantante italiano a salire sul palco calcato dai Beatles nella celebre tournèe italiana del 1965, Peppino è stato un enfant prodige al pianoforte esibendosi dall'età di 4 anni per i militari americani di stanza a Capri.

Dal 1958 il primo successo 'Malatia' lo fa subito divenire una star, accompagnato dai Rockers. 'Don't Play that song', 'Voce 'e notte', 'Luna caprese', 'Nun è peccato', 'St. Tropez twist', 'Let's twist again' (il suo disco più venduto), 'Nessuno al mondo' hanno fatto da colonna sonora all'Italia spensierata che andava incontro al boom. Con 'Me chiamme ammore' vince l'ultimo Festival di Napoli nel 1970. Partecipato a quindici Festival di Sanremo, record assoluto, vincendone due: nel 1973 con 'Un grande amore e niente più' e nel 1976 con 'Non lo faccio più'.

Innumerevoli le sue hits evergreen dagli anni '70 ad oggi, da 'Amare di meno', sigla del mitico Rischiatutto a 'Roberta', da 'Auguri' a 'Il sognatore', senza mai dimenticare la tradizione napoletana rivisitata in chiave moderna. Il suo canzoniere è sterminato, ogni sua esibizione, sempre circondata dall'affetto di un pubblico che si rinnova, è un viaggio lungo una vita nelle emozioni di chi lo ascolta ma anche nel costume italiano. Il suo ottantesimo compleanno, una data importante per un artista sempre presente sulla scena senza essere mai invecchiato, coincide con un momento particolarmente triste della sua vita privata, che lo ha visto come sempre abbracciato idealmente da un pubblico vasto e senza età, come la sua musica.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X