Martedì, 25 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Cinema, arte, bellezza: aspettando gli Orsi, tutto dalla Berlinale

Cinema, arte, bellezza: aspettando gli Orsi, tutto dalla Berlinale

di

BERLINO. Società, ambiente, arte, bellezza e trasformazione.

Sondare il futuro, le politiche collettive, affrontare i dubbi e le paure più taciute.

Il ruolo della Berlinale, il festival internazionale del cinema giunto alla sua 67esima edizione, è partecipativo.

Iniziato giovedì scorso, 9 febbraio, il festival avrà il suo momento di massimo trionfo sabato con le assegnazioni degli Orsi.

Sono diciotto i film in gara quest’anno, più sei fuori concorso.

E al quarto giorno, la situazione è più incerta che mai.

L’Italia quest’anno non partecipa alla sezione competitiva, ma c’è di che complimentarsi. L’Orso d’Oro alla carriera va alla costumista Milena Canonero. Tra i suoi lavori Barry Lyndon, Momenti di gloria, Marie Antoinette e Grand Budapest Hotel; il festival le ha dedicato una retrospettiva con i suoi film. Negli Stati Uniti sono quattro gli oscar e ben nove nomination.

Dieter Kosslick è dal 2001 il direttore responsabile del Festival, mentre la giuria è internazionale si rinnova ad ogni edizione. La presidenza 2017 è stata affidata al regista olandese Paul Verhoeven. I più esperti lo ricorderanno per RoboCop (1987), Total Recall (1990) e Basic Instinct (1992). Gli altri giurati, Maggie Gyllenhaal (USA); Julia Jentsch (Germania); Diego Luna (Messico); Wang Quan’an (Cina); Dora Bouchoucha Fourati (Tunisia); e Olafur Eliasson (Islanda).

Fuori dalla corsa per gli orsi, nella sezione Panorama Special, c’è Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino, con Armie Hammer e Timothée Chalamet.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X