Mercoledì, 19 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Foto Calcio All'Inter basta un tempo per stendere la Roma, l'Atalanta espugna Napoli

All'Inter basta un tempo per stendere la Roma, l'Atalanta espugna Napoli

Straordinaria prova di forza da parte dell’Inter, che domina la Roma allo Stadio Olimpico e si prende la sesta vittoria nelle ultime sette di campionato. Finisce 3-0 con le reti di Calhanoglu, Dzeko e Dumfries tutte nel primo tempo: la squadra di Inzaghi sale momentaneamente al secondo posto della classifica a -1 dal Milan, ma in attesa dell’altro big match tra Napoli e Atalanta. Secondo ko di fila invece per la formazione di Mourinho, in totale emergenza ma completamente fuori dal match e per ora ancora quinta in graduatoria.

L’inizio di gara sembra sorridere ai giallorossi sotto l’aspetto dell’intensità, ma è un fuoco di paglia che dura appena un quarto d’ora. Proprio al 15' il gol su calcio d’angolo di Calhanoglu tramortisce la Roma, che sembra sparire dal campo e consegnarsi all’avversario. Al 24' arriva il raddoppio dell’ex Dzeko, poi proprio nel momento in cui la squadra di Mourinho sembra tirar fuori l’orgoglio (grande occasione per Vina), l’Inter fa tris al 39' con Dumfries, provvidenziale nello sventare il tiro dello stesso terzino uruguaiano qualche azione prima. Roma spacciata e ripresa di totale controllo del largo vantaggio per i nerazzurri, che dietro non rischiano praticamente nulla gestendo molto bene il match con un ampio possesso palla. Soltanto nel finale Zaniolo dà l’illusione del gol al popolo giallorosso, colpendo l’esterno della rete con un sinistro da fuori molto potente.

L'Atalanta espugna il Maradona di Napoli

Dal primo al terzo posto in soli 90' minuti, l'altalena in classifica del Napoli si riassume in una pirotecnica sconfitta interna per 3-2 contro un’Atalanta sempre più in corsa scudetto e a -4 dal Milan capolista. Un Napoli falcidiato dagli infortuni (e dalle squalifiche, nel caso del tecnico Spalletti) cambia sistema di gioco affidandosi alla difesa a tre, rimonta e sogna il colpaccio ma si arrende alla distanza. Gli azzurri provano a spaventare la Dea con un avvio deciso, ma al 7' sono gli ospiti a sbloccare l’incontro. Zapata attacca la profondità e serve a rimorchio Malinovskyi, che toglie la ragnatela dal sette con un mancino dal limite. Di rabbia, la squadra partenopea risponde cinque minuti più tardi con la clamorosa chance mancata da Lozano sul bellissimo pallone di Mario Rui, poi è l’Atalanta a prendere in mano il pallino del gioco.

Almeno sino al 40', quando la squadra di casa si affida alle sue certezze delle ultime settimane: Mertens inventa per Zielinski, murato da Palomino al primo tentativo ma non sul secondo per l’1-1 con cui si conclude una vibrante prima frazione. Ma all’inizio della ripresa è 'Cirò a prendersi la scena: Demiral si perde l'attaccante belga, che va in fuga dalla propria metà campo sul lancio di Malcuit ed è glaciale davanti a Musso. Il difensore turco, però, trova il modo di farsi perdonare: dopo il palo di Zapata e un rigore giustamente tolto dal Var per un tocco di mani di Mario Rui inesistente, Demiral si traveste da bomber sul tracciante del compagno di reparto Toloi per il 2-2 al 66'. E nell’ennesimo cambio di inerzia è l’Atalanta ad approfittarne: passano 5' e i nerazzurri rimettono la freccia con il piazzato di Freuler che gela il 'Maradonà. Le poche alternative in panchina a disposizione di Domenichini non fanno la differenza e il Napoli incassa la seconda sconfitta in campionato.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X