Mercoledì, 18 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Paura per Tacconi, l'ex portiere della Juve in ospedale dopo un malore
AD ALESSANDRIA

Paura per Tacconi, l'ex portiere della Juve in ospedale dopo un malore

Sicilia, Sport
Stefano Tacconi

C’è preoccupazione per la salute di Stefano Tacconi, ricoverato da oggi pomeriggio all’ospedale di Alessandria, in Piemonte. E’ nel reparto di Neurochirurgia, in prognosi riservata, per un grave malore che ha accusato mentre si trovava nella vicina Asti. L’ex portiere e capitano della Juventus, prossimo ai 65 anni - è nato il 13 maggio 1957, a Perugia - aveva trascorso la serata di ieri ospite degli organizzatori delle ‘Giornate delle Figurinè, il raduno dei collezionisti che si tiene da una decina di anni nell’Astigiano. Aveva partecipato alla cena benefica in un rinomato ristorante sulle colline del Monferrato astigiano, organizzata per raccogliere fondi da destinare al comitato locale della Croce Rossa Italiana, poi avrebbe concluso la serata, in compagnia del figlio, in una discoteca nel centro di Asti.

Nella notte avrebbe cominciato ad avvertire i primi malesseri, questa mattina è stato portato al pronto soccorso del ’Cardinal Massaià, ad Asti. Dopo le prime cure, i medici hanno deciso di trasferirlo nel più specializzato ospedale di Alessandria, dove Tacconi è stato ricoverato dopo le 15 di oggi pomeriggio. «Riprenditi Papi, sei un leone, vincerai anche questa battaglia», è il messaggio nella story postata, su Instagram, dal figlio dell’ex portiere, Andrea, che allega un’emoticon con le mani giunte.

Tacconi resta molto popolare in Piemonte dopo i 10 anni vissuti con la maglia della Juventus: dal 1983, arrivato a Torino come successore di Dino Zoff, fino al ‘92, quando è stato spodestato dall’emergente Angelo Peruzzi dopo la difficile stagione con il tecnico Gigi Maifredi. Con la Vecchia Signora ha vinto due scudetti e una Coppa Italia e, soprattutto, tutte le competizioni internazionali: Coppa delle Coppe, Coppa dei Campioni (nella tragica serata dell’Heysel), Supercoppa Uefa, Intercontinentale - in quella che reputa la sua miglior partita - Coppa Uefa. Meno felice l’esperienza in azzurro: con la Nazionale maggiore solo 7 presenze, tutte in amichevoli. È stato il secondo portiere agli Europei del 1988 e ai Mondiali del 1990 e titolare dell’Olimpica ai giochi di Seul 1988. Il suo addio al calcio nel ‘94 dopo due stagioni e mezza nel Genoa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X