Lunedì, 13 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Coronavirus, Goggia: "Momento di riflessione, tutti avevamo bisogno di rallentare"
SCI

Coronavirus, Goggia: "Momento di riflessione, tutti avevamo bisogno di rallentare"

coronavirus, sci, Sofia Goggia, Sicilia, Sport
Sofia Goggia

"E' stato un periodo supertragico, di paura e angoscia, ma da un altro lato il fatto che il mondo si sia fermato mi ha dato la possibilità di ritrovare me stessa, di capire quanto di superfluo ci sia nel rincorrere i ritmi forsennati della vita. Tutti avevamo bisogno di rallentare". Sofia Goggia si racconta alla "Gazzetta della Sport", rivelando come questa sosta forzata le sia servita per mettere a posto "tante cose, anche sul piano personale. In certi periodi devi concentrarti sul 'chi sei', piuttosto che sul 'cosa fai'. Diciamo che ho ricalibrato il tiro e adesso sono contenta, anche se il processo è tutt'altro che completo".

Per la campionessa olimpica di discesa è stata l’occasione per riflettere "su alcune scelte, a iniziare dal fatto che Federico (Brunelli, ndr), lo skiman che mi ha seguito nelle ultime cinque stagioni, non sarà più a mio fianco, cambia lavoro". La Goggia ha già in testa il sostituto e conta dal 4 maggio di iniziare la preparazione in vista di una prossima stagione di Coppa del Mondo con "meno pubblico, temo. La grande differenza sarà quella. Per il resto, spero che si potrà lavorare in sicurezza. Non tanto per noi ragazze, quanto per le persone dello staff che ruotano attorno a noi".

La 27enne bergamasca spera anche in una stagione del riscatto: "Mi sento tranquilla. Ho fatto il mio cammino, ora bisogna lavorare, crederci e stare bene. Ho voglia di riprovare quella libertà di stare sugli sci che mi ha fatto vivere i momenti più felici della mia carriera. Nel momento in cui risentirò quella sensazione, capirò di essere a posto. Tornerò finalmente a sentirmi libera. Attenzione particolare al gigante? In questo momento non ho obiettivi concreti, non voglio pormi vincoli. L’unica cosa che conta per me è essere nella condizione di poter svolgere bene il mio compito. Per il resto, che si tratti di discesa, superG, gigante o slalom, poco cambia". ITALPRESS

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X