Mercoledì, 11 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
A ST.MORITZ

Mondiali di sci, Shiffrin ancora regina: flop delle azzurre

ST.MORITZ. Si sapeva che lo slalom speciale donne è da sin troppo tempo il punto debole dell'Italia, ma nella gara mondiale di St.Moritz le cose sono andate davvero male. Fuori subito nella prima manche Chiara Costazza, Manuela Moelgg ed Irene Curtoni, nella classifica finale è rimasta unicamente Federica Brignone ma solo 24/a in 1.42.33. Si sapeva anche che la dominatrice della disciplina ormai da quasi cinque anni è la statunitense Mikaela Shiffrin.

Ed anche a St. Moritz Mikaela - 22 anni il prossimo 19 marzo e 28 successi in cdm - non si è smentita conquistando per la terza volta consecutiva il titolo mondiale di slalom. In mezzo c'è pure l'oro olimpico di Sochi 2014 e davanti la conquista della sua prima grande coppa del mondo alla fine di questa stagione.  Mikaela - sponsorizzata con un colpo geniale dalla italiana Barilla - ha vinto alla sua maniera, dando distacchi forti alle rivali. Ha vinto infatti alla grande in 1.37.27 lasciando l'argento alla svizzera Wendy Holdener in 1.38.91 e il bronzo alla svedese Frida Hansdotter in 1.39.02.

Domani a St. Moritz si chiude con lo slalom speciale uomini, ultima gara di questi mondiali e ultima occasione per l'Italia di rimpinguare il modesto medagliere azzurro su cui campeggia sinora solo il bronzo di Sofia Goggia in slalom gigante. Sulla carta le possibilità di una medaglia ci sono, ma di certo sarà battaglia durissima. L'Italia manda in pista il trentino Stefano Gross, l'emiliano Giuliano Razzoli e gli altoatesini Patrick Thaler e Manfred Moelgg. Gross - grande classe e gran talento - ha all'attivo in questa stagione in terzo posto di Madonna di Campiglio e alcune buone manche.

Con Thaler reduce da un infortunio e Razzoli che da tempo non rende, c'è poi il veterano Manfred Moelgg su cui puntare. Manfred in questa stagione ha vinto a Zagabria, ha conquistato un secondo posto a Adelboden e un terzo a Levi. Ma l'altoatesino ha soprattutto una grande esperienza. A 34 anni, già tre volte à andato a medaglia in altrettanti mondiali, due di bronzo ed una d'argento. Insomma, è uno capace di tirare fuori le energie migliori nei momenti topici.

La buona stagione in corso lo vede poi terzo nella classifica di disciplina: davanti ai lui ci sono solo i due mostri sacri che da mesi se le suonano di santa ragione. Solo l'austriaco Marcel Hirscher, a caccia di un nuovo titolo dopo quello di gigante, e il norvegese Henrik Kristoffersen. Pensare di batterli è praticamente impossibile a meno che - qualche volta succede - non siano loro stessi a farsi da parte con qualche errore di troppo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X