Martedì, 20 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Fed cup, Italia ko con la Slovacchia
TENNIS

Fed cup, Italia ko con la Slovacchia

fed cup, Tennis, Sicilia, Sport
Sara Errani

FORLI'. La Fed Cup non sorride più alle qazzurre del tennis. La Slovacchia si è aggiudicata il confronto con l'Italia valido per il World Group II. A Forlì finisce 3-2 per le slovacche. Una sconfitta che costringe la nazionale azzurra a disputare gli spareggi (22-23 aprile) per rimanere nel World Group II, la serie B del tennis. E sembrano lontani i tempi in cui l'Italia dominava la Fed Cup.

Dopo la situazione di parità con cui si era chiusa la giornata di sabato, determinata dalle affermazioni di Francesca Schiavone su Anna Karolina Schmiedlova e della debuttante Rebecca Sramkova, in tre set su Sara Errani, la seconda giornata di gare ha visto il successo della veterana Daniela Hantuchova (in sostituzione di Jana Cepelova) sulla Errani (6-2 6-0 il punteggio in un'ora e 17 minuti), penalizzata da problema alla coscia destra, e della giovane Rebecca Sramkova ai danni di Francesca Schiavone, superata per 62 64 in un'ora e 13 minuti. Il secondo punto azzurro, ininfluente, arriva dal doppio: Paolini e Trevisan vincono per il ritiro di Schmiedlova e Sramkova quando le azzurre erano in vantaggio nel primo set 5-2.

Tathiana Garbin accetta con sportività il risultato, che la vede iniziare la sua avventura sulla panchina azzurra di Fed Cup con una sconfitta. «Speravamo che una debuttante come laSramkova accusasse un pò la tensione - il primo commento del capitano ai microfoni di SuperTennis - invece lei ha giocato sempre ad occhi chiusi, spaccando la palla ed era molto difficile contenerla. Peccato perchè Francesca a un certo punto l'aveva riagganciata ed è mancato poco, pure un pizzico di fortuna in alcuni frangenti. Il bilancio del weekend? Speravo di vincere, anche perchè un successo poteva condurci allo spareggio per risalire nel World Cup, però la Fed Cup presenta sempre mille insidie. E in ogni caso bisogna dire brave alle nostre avversarie, che hanno saputo dare il massimo in ogni
circostanza, magari un pò avvantaggiate dal problema accusato da Sara. Il futuro? L'idea è quella di dare sempre più spazio alle giovani nell'iniziare un nuovo ciclo. Era importante per loro, intanto, essere qui, conoscere il team e le tenniste che hanno fatto la storia del nostro tennis».

Nel fine settimana dedicato alla Fed Cup c'è spazio anche per la gaffe sull'inno tedesco nella sfida tra Stati Uniti e Germania, valida per il primo turno di World Group e in corso a Maui, nelle isole Hawaii. La Federazione tennistica statunitense (Usta) si è dovuta scusare dopo che era stata eseguita la vecchia versione di «Deutschland uber alles» che comprende una strofa abolita perchè fa riferimento a confini più ampi e quindi è considerata retaggio dell'imperialismo e del nazismo della Germania. «Sincere scuse alla squadra e ai tifosi tedeschi, questo errore non si ripeterà», ha twittato la Usta. «Speriamo» la risposta della federtennis tedesca.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X