Lunedì, 16 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA QUALIFICAZIONE

Festa Albania, prima volta a un Europeo: De Biasi scrive la storia di un Paese

Calcio, qualificazioni europei, Gianni De Biasi, Sicilia, Sport
L'allenatore dell'Albania Gianni De Biasi

TIRANA. È un giorno storico, e l'Albania è letteralmente impazzita per la sua nazionale di calcio. Per la prima volta nella storia si è qualificata per la fase finale di un grande torneo calcistico, ovvero Euro 2016 che si svolgerà dal 10 giugno al 10 luglio del prossimo anno. Ci saranno quindi anche la Aquile di Tirana, e il merito va, fra gli altri, al commissario tecnico italiano Gianni De Biasi e al suo assistente Paolo Tramezzani, che alterna il lavoro di 'secondò a quello di commentatore tecnico Rai.

L'Albania ha fatto la storia andando a vincere per 3-0 sul campo dell'Armenia, e per i rossoneri la gioia è ancora maggiore se si pensa che nel loro girone c'erano gli arcirivali della Serbia, con i quali il confronto è qualcosa che va al di là del calcio. Lo ha dimostrato la sfida di Belgrado fra le due squadre, che verrà ricordata come quella del drone con scritte pro Kosovo e inneggianti alla grande Albania che provocò la sospensione del match. E proprio in Kosovo, oltre che in Albania, si fa festa in queste ore per la storica impresa di De Biasi e dei suoi. Il tecnico nelle interviste del dopo-partita quasi non è riuscito a parlare per l'emozione, e con le lacrime agli occhi, e a testimonianza di quanto sia forte il legame con il paese d'adozione del quale ha anche il passaporto, ha sottolineato più volte che quella di oggi «è la soddisfazione più grande della mia carriera».

Si è emozionato anche il ds della Lazio Ighli Tare, nel commentare per Sky l'impresa di quella nazionale che fu anche sua, mentre l'ex biancoceleste Cana, pazzo di gioia, ha ripetuto quanto sia stato covato a lungo questo sogno finalmente realizzato. Lui e i compagni sono già diventati degli autentici eroi nazionali, al punto che il Presidente della Repubblica, Bujar Nishani, ha concesso loro la medaglia «Onore della Nazione», onorificenza paragonabile al Cavalierato in Italia. Chissà cosa succederebbe, viene da pensare, se la squadra albanese facesse strada anche in Francia. Intanto si gode questa autentica impresa frutto anche, non va dimenticato, dell'allargamento del format del torneo continentale, dal 2016 a 24 squadre. Ecco perchè in Francia ci saranno quelle che un tempo erano 'cenerentolè, come appunto l'Albania, e come Islanda, Irlanda del Nord e Galles, tutte intenzionate a dimostrare l'estate prossima che non si è trattato di un fuoco di paglia. Allora sì che per la Grande Albania il sogno continuerebbe.
Con le gare giocate ieri salgono a 16 le nazionali già qualificate alla fase finale di Euro2016: Germania e Polonia si aggiungono ai padroni di casa della Francia, Islanda, Repubblica Ceca, Inghilterra, Austria, Portogallo, Irlanda del Nord, Spagna, Svizzera, Italia, Belgio, Galles, Albania e Romania.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X