Mercoledì, 28 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Mondiali, terzo oro per Bolt: la Giamaica domina la staffetta
ATLETICA

Mondiali, terzo oro per Bolt: la Giamaica domina la staffetta

PECHINO. Penultima giornata dei Mondiali di  Pechino, ma la star è sempre Usain Bolt. Con al collo già gli  ori di 100 e 200 metri, all'uomo più veloce del pianeta oggi  spetta l'onore di condottiero della 4x100 giamaicana. Prima di  arrivare a lui, il testimone viaggia nelle mani dei compagni  Nesta Carter, Asafa Powell e Nickel Ashmeade, ma è la sua quarta  frazione a fare nettamente la differenza. Come il fulmine che  solo lui sa essere, riacciuffa e surclassa gli Stati Uniti di  Bromell, Gatlin, Gay e Rodgers. Non c'è storia: Giamaica 37.36 e  USA 37.77. Passano pochi minuti e una squalifica per cambio  fuori settore (tra Gay e Rodgers) butta giù dal podio il  quartetto a stelle e strisce. Promossa all'argento, nel delirio  del Bird's Nest, è la Cina (38.01); terzo il Canada (38.13). Per  Bolt, tra Olimpiadi e Mondiali è la quinta tripletta  100-200-4x100, l'undicesimo oro iridato e la 13/a medaglia..

Non è da meno la connazionale Shelly-Ann Fraser-Pryce che  aggiunge un altro metallo pregiato ad un palmares senza  precedenti nella storia della velocità femminile (2 ori olimpici  e 7 mondiali). È proprio lei, infatti, l'interprete della  quarta frazione della 4x100 giamaicana (dopo Campbell-Brown,  Morrison e Thompson), ovvero la donna che chiude l'anello in  41.07. Record dei Campionati e trionfo sugli States di Gardner,  Felix, Prandini e Todd (41.68). Terzo posto per Trinidad.      Ma ad entusiasmare il Nido d'Uccello provvede anche il Re  del Decathlon Ashton Eaton, che migliora il primato del mondo  portandolo a 9.045 punti e incassa quindi anche il bonus di  centomila dollari destinati a chi realizza nuovi record  assoluti, impresa che a Pechino 2015 finora è riuscita soltanto  a lui. Eaton era già in possesso del primato, da oltre tre anni:  9039 punti il 23 giugno 2012 ai Trials di Eugene.     Dopo una straordinaria prima giornata conclusa a 4703 punti  con tanto di 45.00 nei 400 metri, il 32enne statunitense aveva  già fatto chiaramente capire quali fossero le sue vere  ambizioni: qui la sua non era una «semplice» caccia all'oro. Ed  oggi non si è smentito guadagnando 4342 punti nelle restanti  cinque fatiche: 13.69 nei 110hs, 43,34 nel disco, 5,20  nell'asta, 63,63 nel giavellotto e un ostinato 4:17.52 nei 1500.  Un bottino eccezionale, che lo conduce nuovamente al di là delle  mura della «Città Proibita» dei 9000 punti e gli fa mettere le  mani sul secondo titolo iridato della sua carriera seguito dal  canadese Warner (8695) e dal tedesco Freimuth (8561).     Ma c'è anche chi realizza la quinta doppietta in carriera, la  terza in una rassegna globale, la 12/a medaglia d'oro Europei  compresi. A Pechino come a Londra, Mosca, Zurigo e Barcellona è  sempre Mo Farah. Anche sui 5000 metri, che lo vedono infiammare  il pubblico del Bird's Nest come solo Usain Bolt è in grado di  fare. Gara tattica e inutile la fuga all'ultimo giro del keniano  Ndiku che sul rettilineo finale deve arrendersi al britannico  nel momento in cui decide di mettere la freccia e il turbo.  Vince in 13:50.38, Ndiku stremato si tiene l'argento (13:51.75)  davanti all'etiope Gebrhiwet (13:51.86).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X