Mercoledì, 28 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Mondiali, il re è sempre Usain Bolt Nei 100 metri battuto Justin Gatlin
ATLETICA

Mondiali, il re è sempre Usain Bolt
Nei 100 metri battuto Justin Gatlin

PECHINO.  Pechino e il Nido d'Uccello  rimangono il regno di Usain Bolt. Il Lampo giamaicano non può  perdere qui dove si rivelò al mondo e cominciò a costruire il  proprio mito. Oggi, a sette anni di distanza dall'Olimpiade  cinese, torna a salutarlo campione del mondo. Bolt, ancora lui.  Vince la gara delle gare di questo mondiale, correndo i 100 in  9.79, un centesimo meno di Justin Gatlin, il cui 9.77 delle  semifinali (miglior crono di ammissione alla finale) ha  probabilmente contribuito a determinare, ma solo per somma di  ansie, il risultato conclusivo.

Il centesimo che ha separato  Bolt (9.79) da Gatlin (9.80) è il margine più esiguo tra l'oro e  l'argento della storia dei Mondiali di atletica. Il precedente  limite era di due centesimi, registrato nella finale di Tokyo  1991 vinta da Carl Lewis in 9.86 su Leroy Burrell (9.88). Oggi  doppio bronzo a seguire, assegnato ex-aequo, con 9.92, allo  statunitense Trayvon Bromell e al canadese Andre De Grasse.     Le ansie di Gatlin, quindi la paura di vincere, sommata a  quella di perdere: la prima che dura 80 metri, la seconda che  subentra e manda tutto all'aria, nei metri finali. È lì, la  chiave di lettura di questa finale, avvincente più per l'attesa  creata che per valori tecnici espressi. Gatlin che scappa, e  accumula vantaggio; Bolt che costruisce la gara aspettando la  fase lanciata, il momento più favorevole alle sue lunghe leve;  Gatlin che percepisce la rimonta dell'avversario, e cerca un  traguardo che in realtà è ancora lontano. Troppo, per cominciare  a proiettare il petto in avanti.

Così Bolt ce la fa, è l'eroe che si conferma (terzo titolo,  non consecutivo, dopo quelli di Berlino e Mosca), e fa scattare  la festa. Niente lampo o gesto dell'arciere, per celebrare, o  almeno, non prima di alcuni minuti, perchè questo Bolt è diverso  da quello olimpico del 2008, e sembra voler prendere le distanze  anche dalla sua immagine, per tornare a scintillare. Arrivederci  a Rio de Janeiro, tra un anno, per quella che sarà probabilmente  l'ultima puntata, oltre che la rivincita. Intanto la nuova icona  della Giamaica diventa l'atleta più medagliato nella storia dei  Mondiali, con ben undici podi (di cui nove ori) distribuiti  sull'asse Osaka, Berlino, Daegu, Mosca e Pechino.     Assegnati altri tre titoli, nella fresca serata del Bird's  Nest. Quello del martello maschile è andato al pronosticato  della vigilia, il polacco Pawel Fajdek, già d'oro due anni fa a  Mosca, e qui capace di confermarsi sul gradino più alto con due  bordate sopra gli 80 metri, la migliore delle quali misurate a  80,88. Troppo per questi avversari, rimasti tutti a due metri (e  più) di distanza. Il rappresentante del Tagikistan Nazarov è  argento con 78,55 la stessa misura buona per il bronzo, andato  (all'ultimo lancio di gara) all'altro polacco Nowicky.

Il trionfo di Jessica Ennis-Hill nell'Eptathlon (6669 punti)  è il secondo oro della Gran Bretagna nella rassegna, dopo il  successo di Mo Farah nei 10000 di sabato. Ennis-Farah, la coppia  d'assi con maglia griffata Union Jack, già capace di far vibrare  Londra durante l'Olimpiade, e qui nuovamente al successo in  combinata. Argento per la signora Eaton, la canadese Brianne  Theisen (6554), terzo posto per la lettone laura  Ikauniece-Admidina (con record nazionale di 6516 punti). Il  getto del peso ha fatto vivere a lungo un sogno: quello del  primo campione del mondo in maglia giamaicana. ÒDayne Richards,  capace di una velocità di rotazione in pedana degna di un  ballerino, sorprende i big in avvio, con il 21,69 del record  nazionale. I sogni svaniscono al quinto turno, quando prima lo  statunitense Kovacs (21,93), poi il tedesco Storl (21,74),  rispediscono Richards più indietro, anche se comunque sul podio.  Evento altrettanto storico.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X