Mercoledì, 28 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Roland Garros, nella finale femminile la Safarova sfiderà Serena Williams
TENNIS

Roland Garros, nella finale femminile la Safarova sfiderà Serena Williams

Roland Garros, Tennis, Serena Williams, Sicilia, Sport
Serena Williams

PARIGI. Saranno Serena Williams e Lucie Safarova a contendersi il trofeo al Roland Garros, mentre è sfumato il sogno di Simone Bolelli e Fabio Fognini, battuti in semifinale dai gemelli Bryan, di conquistare un secondo titolo Slam dopo quello - storico - vinto in gennaio agli Australian Open.  La numero 1 del tennis mondiale - che ieri aveva eliminato  Sara Errani, unica approdata ai quarti dei sei italiani e delle sei italiane al via - ha ceduto un set a Timea Bacsinszky, ma, ritrovata grinta e concentrazione, si è poi imposta in rimonta, superando anche la tosse e il raffreddore che la tormentavano:  4-6 6-3 6-0 il punteggio in favore della 33enne statunitense. Alla svizzera, più giovane di otto anni e 23 gradini più giù nel ranking, resta la consolazione - magra, a giudicare dalle lacrime versate a fine match - di aver giocato la sua prima semifinale Slam. Del resto, pur contro una Serena influenzata, pochi avrebbero pronosticato per lei la prima finale. Sabato, tra la Williams e il terzo titolo (alla terza finale) sulla terra rossa parigina dopo quelli del 2002 e del 2013, il 20/o in un torneo 'major', ci sarà una rampante mancina ceca di 28 anni. Che, dopo aver fatto fuori negli ottavi la Sharapova, campionessa in carica (oltre che nel 2012) e numero 2 del mondo, oggi si è presa il lusso di eliminare anche la n. 7, e campionessa nel 2008, Ana Ivanovic. In vantaggio 5-2 nel primo set, la 27enne serba ha perso cinque game di fila. Nella seconda frazione, la Safarova ha fallito un match point sul 5-4. Ma la reazione della bella Ana - alla quale oggi non è bastato il tifo del fidanzato Bastian Schweinsteiger, centrocampista del Bayern Monaco e della Nazionale tedesca - è stata un fuoco di paglia, e la n. 13 del ranking è volata, con un doppio 7-5, alla sua prima finale Slam. Raggiunta senza cedere un set. Le precedenti otto sfide con Serena le ha perse tutte, e il pronostico appare blindato. Però, mai dire mai... Un doppio 6-3 ha posto fine alla bella avventura di Bolelli e Fognini, primi italiani campioni in uno Slam dopo Pietrangeli e Sirola nel 1959 proprio al Roland Garros. Li ha fermati la coppia n. 1 del mondo, i 37enni gemelli statunitensi Bob e Mike Bryan, che già li avevano sconfitti in finale a Montecarlo in aprile. «Peccato, perchè se gestivamo meglio il primo set senza commettere un paio di errori banali forse il match sarebbe andato diversamente», commenta Fabio. «Perdere il primo set è stato decisivo», concorda Simone.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X