Venerdì, 21 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Web e pesci d'aprile: le regole per scovare le fake news
UNIVERSITA' DI LANCASTER

Web e pesci d'aprile: le regole per scovare le fake news

bufale, fake news, pesce d'aprile, Università di Lancaster, Sicilia, Società
Fake news

Può essere utile studiare i pesci d’aprile per conoscere qualche regola per stanare le fake news. Ne sono convinti i ricercatori dell’Università di Lancaster che hanno scoperto somiglianze tra gli scherzi fatti ogni primo d’aprile e le bufale.

In particolare, i ricercatori hanno analizzato più di 500 "pesci" pubblicati su oltre 370 siti internet, che sono stati scritti in 14 anni. E hanno scoperto come questi, rispetto alle notizie vere, sono generalmente più brevi, hanno più parole uniche e frasi più lunghe, sono più facili da leggere, fanno riferimento a eventi vaghi in futuro, hanno più riferimenti al presente, sono meno interessati agli eventi passati, contengono meno nomi propri e usano più pronomi in prima persona.

Le fake news, invece, rispetto alle notizie reali, sono più brevi e facili da leggere, hanno un linguaggio più semplicistico, meno segni di punteggiatura, più nomi propri, pochissime date di riferimento e più pronomi in prima persona. Inoltre, sono generalmente meno formali.

Gli studiosi hanno anche creato un selettore automatico per identificare se gli articoli siano fake news, pesci d’aprile o notizie autentiche. Il sistema ha avuto una precisione del 75% nell’identificare i pesci e del 72% per le notizie false.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X