Mercoledì, 21 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Profilo Facebook su ricette a base di cane e gatto: la Lav ne chiede la chiusura
IL CASO

Profilo Facebook su ricette a base di cane e gatto: la Lav ne chiede la chiusura

ROMA. Si chiama «Cuccioli in pentola» ed è un profilo Facebook che offre ricette culinarie di carne di cane e gatto. Il tono è colto, ironico e provocatorio. La Lega antivivisezione (LAV) ha lanciato una campagna per far bloccare la pagina.

Il gestore, Agata, di Roma (è tutto quello che rivela di sè), a chi l'attacca risponde «sono penalmente inattaccabile e moralmente pronto a ridere dei tuoi travasi di bile virtuali». «Cuccioli in pentola» piace a 1.762 persone ed è seguita da 2.117. L'immagine del profilo mostra due teneri gattini in una padella, quella di copertina è molto più esplicita: mostra quello che sembra un cane arrostito su di uno spiedo. Il gestore ha il vezzo di non usare mai le parole cane e gatto, ma il termine arcaico «loppide» (discendente dal lupo) e «miagolo» (evidente onomatopea).

Poi sfotte l'«animalista mannaro» e il «vegano estremista che trova soddisfazione nell'aggredire chiunque non abbracci il tuo stile di vita». Nella presentazione del profilo, Agata ricorda che la macellazione, il commercio e la somministrazione di carne di cane e gatto in Italia è «reato punito penalmente», e invita chi vuole mangiarla ad andare in Svizzera, dove è legale. Condanna il maltrattamento degli animali e ribadisce che nessun animale è stato maltrattato o ucciso per compilare la pagina.

«La presente è una pagina di approfondimento culturale e gastronomico - scrive -. Riporto solo la tradizione culinaria dei Paesi del mondo e delle zone italiane in cui il loppide ed il miagolo si mangiavano all'epoca dei nostri antenati, come Vicenza e la Toscana». Le ricette sono presentate con toni da humor nero. Una ricetta di gatto del sud degli Stati Uniti viene descritta come la vendetta degli schiavi contro i gatti dei loro padroni, un'altra come il sistema con cui un'amica si è liberata dei rumorosi gatti dei vicini.

Ci sono lo Spezzatino alla Gattara romanesco e un fantomatico «risotto col puntel de gatt» brianzolo, oltre a ricette filippine e peruviane. I commenti dei navigatori sono in genere di insulti, ma non mancano gli aficionados che ringraziano Agata per le sue «prelibatezze».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X