Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società "Possibile intercettare i messaggi": scoppia il caso WhatsApp
FACEBOOK NEGA

"Possibile intercettare i messaggi": scoppia il caso WhatsApp

ROMA. Privacy a rischio per i messaggi di WhatsApp.

Secondo un ricercatore americano ci sarebbe una vulnerabilità nel sistema di cifratura della chat che consentirebbe di intercettare e leggerne i contenuti, ma la compagnia - di proprietà di Facebook - minimizza: non c'è nessuna «backdoor», ovvero una «porta segreta» del software, per i governi.

L'allarme arriva da una notizia riportata dal Guardian, secondo la quale il sistema che WhatsApp usa per crittografare le informazioni che viaggiano sulle sue chat lascerebbe una «porta aperta» per accedere ai contenuti.

A Facebook, che ne è proprietaria, ma potenzialmente anche ad altri, governi compresi.

Tobias Boelter, ricercatore dell'Università di Berkeley, California, ha affermato al giornale britannico che si tratta di una «backdoor» che risiede nel modo in cui è stato concepito il protocollo di crittografia.

Un'affermazione con implicazioni pesanti visto che l'applicazione oggi è usata da oltre un miliardo di persone nel mondo, comprese categorie «sensibili» come attivisti, dissidenti e diplomatici.

WhatsApp ha introdotto la cifratura «end-to-end» da circa un anno: questo significa che le chiavi necessarie per decifrare i messaggi esistono solo tra i dispositivi coinvolti nella conversazione.

Boelter però afferma che il software della piattaforma è in grado di forzare la generazione di una nuova chiave di cifratura quando il destinatario è offline, per potergli recapitare il messaggio.

Si tratta di un meccanismo tecnico ed è qui che secondo il ricercatore si anniderebbe per la compagnia la possibilità di accedere ai messaggi.

All'insaputa degli utenti.

Boelter dice di aver segnalato la «falla» a Facebook ad aprile 2016 e che la compagnia ha risposto dicendo di essere a conoscenza della questione ma di non essere attivamente al lavoro su essa perchè «comportamento atteso».

Il Guardian afferma che la «backdoor» esiste tuttora.

Tuttavia WhatsApp, tramite un portavoce, chiarisce che la chat non ha nessuna «backdoor» con cui i governi possono forzarla.

Si tratta invece di «una scelta di design» che «impedisce alle persone di perdere milioni di messaggi».

«WhatsApp - prosegue la nota - avrebbe combattuto ogni richiesta del governo per la creazione di una 'backdoor'. La scelta progettuale a cui fa riferimento l'articolo del Guardian impedisce a milioni di messaggi di essere persi, e WhatsApp offre notifiche di sicurezza che avvertono di potenziali rischi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X