Venerdì, 27 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società L'industrializzazione ha provocato il declino dei vertebrati
LA RICERCA

L'industrializzazione ha provocato il declino dei vertebrati

ROMA. È iniziato alla fine del 19esimo secolo il rapido declino dei vertebrati, quando l'industrializzazione era al suo apice.

Le specie minacciate hanno cominciato a ridursi del 25% ogni dieci anni a partire da 123 anni fa.

È quanto afferma un gruppo di ricercatori dell'Health Science Center dell'Università del Texas a Houston e dell'Accademia cinese delle Scienze in una ricerca pubblicata sulla rivista dell'Accademia delle scienze degli Stati Uniti (PNAS).

I ricercatori sperano che questo studio possa servire a valutare gli effetti dell'impatto umano sugli habitat e gli ecosistemi di cui si dovrebbe avere una maggior tutela proprio al fine della conservazione delle specie.

«L'industrializzazione è la spiegazione più logica del perchè ci sia stato un rapido calo della popolazione in quel periodo, che deve essere stato causato in qualche modo dall'impatto umano», ha detto Yun-Xin Fu, della Health School of Public Health dell'Università del Texas.

Per giungere a questa conclusione i ricercatori hanno recensito migliaia di articoli scientifici sulla diversità genetica di varie specie di vertebrati e hanno prodotto i dati genetici di 2.764 specie, 600 delle quali in pericolo di estinzione.

La loro analisi si è basata su modelli genetici della popolazione.

Il rapido declino della popolazione è molto diffuso tra le specie in via di estinzione e quando si verifica, la diversità genetica ne soffre.

Al contrario gli sforzi per la conservazione di una specie sono generalmente concentrati sul mantenimento della diversità genetica all'interno della specie stessa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X