Martedì, 24 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società I Re Magi non videro una stella cometa ma un eccezionale allineamento di pianeti
LO STUDIO

I Re Magi non videro una stella cometa ma un eccezionale allineamento di pianeti

natale, re magi, stella cometa, Sicilia, Società
L'Adorazione dei Magi di Giotto

ROMA. Il presepe, così come viene rappresentato da secoli, andrebbe 'ridisegnato'. A illuminare la grotta e guidare i Magi non fu la famosa stella di Natale, ma un'eccezionale congiunzione di pianeti, e la nascita di Gesù probabilmente avvenne in un altro anno, e non in inverno.

L'ultimo a tornare su quello che è uno dei rompicapo dell'astronomia antica, è Grant Matthews, astrofisico dell'università di Notre Dame, che ha presentato le sue conclusioni in una conferenza nello stesso ateneo. Studiando i dati storici, astronomici e biblici, Matthews è arrivato alla conclusione che l'evento che guidò i Magi, sacerdoti zoroastriani dell'antica Persia, fu una congiunzione di pianeti estremamente rara, avvenuta probabilmente nel 6 a.C. e da allora mai più osservata in cielo.

C'erano il Sole, Giove, la Luna e Saturno nella costellazione dell'Ariete, Venere nella vicina costellazione dei Pesci, e Marte e Mercurio dalla parte opposta del cielo nel Toro. In quell'epoca, l'equinozio di primavera era in Ariete. Un evento simbolico per chi era un esperto di astronomia, come lo erano appunto i Magi.

La presenza di Giove e la Luna infatti indicava la nascita di un grande personaggio mentre Saturno era un simbolo di vita, così come la presenza dell'Ariete nell'equinozio di primavera, che stava a indicare l'inizio della primavera. «I Magi devono aver visto questa congiunzione a est, riconoscendo il simbolo di una nascita regale di Giudea», rileva Matthews.

«Non si tratta di una teoria nuova. Il primo a ipotizzarla fu Keplero, e dopo di lui diversi altri, tanto che ora l'ipotesi dell'allineamento dei pianeti è quella più accreditata. Lo stesso Benedetto XVI la cita nel suo libro sull'infanzia di Gesù», commenta all'ANSA Vito Polcaro, ricercatore dell'Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) di Roma. «Quello che è sicuro, sulla base delle diverse fonti analizzate, è che la stella di Betlemme, citata nel Vangelo di Matteo, non era una stella, né una cometa né una supernova», continua Polcaro. Questa congiunzione iniziò a 'comporsi', secondo alcuni, tra l'8 a.C. e il 6 a.C.. «È possibile che sia culminata nel 4 a.C., che attualmente si ritiene sia stato il vero anno di nascita di Gesù», rileva Polcaro. Sul mese di arrivo dei Magi e di nascita di Gesù non ci sono ancora dati certi. Per Matthews può essere stato in primavera, mentre secondo Polcaro «i Magi si sarebbero messi in cammino a maggio per poi arrivare in Israele in autunno. I testi infatti raccontano dei pastori che dormivano all'aperto, quindi non poteva essere nel periodo invernale».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X