Mercoledì, 03 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Fumare in casa? Gli esperti: è come aprire la porta ad un serial killer
L'APPELLO

Fumare in casa? Gli esperti: è come aprire la porta ad un serial killer

ROMA. Accendere una sigaretta in salotto o in camera da letto è come aprire la porta di casa ad un serial killer.

Un gesto abituale per 20 italiani su cento: una percentuale che arriva al 29% in Umbria e scende al 9% in Veneto.

Il tumore del polmone è al centro di CIOT2016, la Conferenza Internazionale di Oncologia Toracica, a Napoli.

Il fumo resta il principale alleato del tumore al polmone, il big killer che non fa abbastanza paura nonostante sia la prima causa di morte oncologica, sia al quarto posto tra quelli più diagnosticati e sia ancora lontana la diagnosi precoce.

«Se domani la popolazione mondiale decidesse di smettere di fumare - dice Filippo de Marinis, Past President AIOT - tra 20-30 anni il carcinoma polmonare risulterebbe abbattuto del 90% come mai nessuna terapia potrà ottenere».

Una lezione che dovrebbero imparare soprattutto le donne, particolarmente a rischio eppure irriducibili della sigaretta o costrette a vivere con un fumatore in casa. Il tumore del polmone «cresce tra le donne perchè continuano a fumare - dice Cesare Gridelli, presidente dell'Associazione Italiana Oncologica Toracica (AIOT) - ma l'aumento dell'incidenza della malattia in donne non fumatrici ci fa ipotizzare che ci sia anche una causa genetica e ormonale».

E gli esperti lanciano un appello: smettete di fumare. Almeno in casa.

Perchè il fumo passivo aumenta il rischio di ammalarsi di tumore al polmone. Se non lo volete fare per voi, almeno fatelo per chi vi vive accanto.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X