Martedì, 28 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Capricci a tavola? Le dieci regole da seguire
ALIMENTAZIONE

Capricci a tavola? Le dieci regole da seguire

ROMA. L'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù predispone uno sportello telematico per aiutare le famiglie con bimbi soggetti a disturbi del comportamento alimentare.

L'iniziativa si chiama "Mio figlio non mangia" e lo sportello telematico attivato prevede una casella mail (miofigliononmangia@opbg.net) a cui inviare la segnalazione del problema attraverso un diario alimentare del proprio figlio, che sarà valutato da uno staff di nutrizionisti.Previsto anche un gruppo chiuso su Facebook nel quale le famiglie condivideranno le proprie esperienze con il nutrizionista e sul profilo Facebook ufficiale dell'Ospedale un appuntamento a cadenza quindicinale con gli specialisti. I medici dell'Unità Operativa di Educazione Alimentare del Bambino Gesù hanno realizzato anche un decalogo per far scoprire ai propri figli nuovi sapori.

1) Tutta la famiglia deve cercare di avere lo stesso tipo di alimentazione.

2) Gli alimenti devono essere riproposti più volte, cucinati in maniera differente. È importante non presentare lo stesso piatto in maniera continuativa, ma farlo a distanza di tempo.

3) Gli adulti non devono costringere il bambino ad assaggiare un alimento con forza,perche' cio' può accrescere l'avversione. Proporre un premio non lo porta a consumare volontariamente il cibo, piuttosto a sovralimentarsi solo per ottenere il premio.

4) L'orario del pasto deve essere rispettato ed è opportuno che tutta la famiglia mangi alla stessa ora e alla stessa tavola.

5) Il pasto è un momento importante, occorre invitare il bimbo a spegnere la televisione e ad allontanare i giochi.

6) Organizzare un percorso di familiarizzazione col cibo

7) Rendere partecipe il bambino nel momento della spesa,lo farà sentire padrone delle proprie scelte.

8) Coinvolgere il piccolo mentre si cucina. Deve poter prendere confidenza attraverso i 5 sensi in un percorso di "amicizia" con il "nuovo": lavare, sbucciare, tagliare e inventare ricette insieme a mamma e papà.

9) Assaggiare insieme. Dopo aver preparato insieme il piatto, mangiare qualcosa che il bambino ha visto nascere può fargli vincere la paura di cibi nuovi.

10) La cucina diventa una festa. Prendere un cappellino da chef e rendere partecipe il bambino

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X