Sabato, 18 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo
SALUTE

Influenza in anticipo, primo caso a Bologna: è un'anziana

Al Policlinico Sant'Orsola, in anticipo rispetto al previsto

BOLOGNA. In anticipo rispetto al previsto, e prima ancora della partenza della campagna per le vaccinazioni, è arrivato in Italia il primo caso di influenza stagionale, uno dei primi 5 in Europa. Ad esserne colpita da A/H3 un'anziana  ricoverata al Policlinico Sant'Orsola di Bologna. Mentre ci si organizza per la partenza, a metà ottobre, della vaccinazione per over 65 e persone a rischio, l'Aifa ricorda l'importanza di vaccinarsi. Ma, allo stesso tempo, gli esperti avvertono: serve  proteggersi ma è necessario ricordarsi che in circolazione ci sono anche altri virus.

Intanto, da oggi, si sa quali sono i vaccini autorizzati, che presto arriveranno anche in farmacia. È stata appena pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Determina dell'Agenzia Italiana del  Farmaco (Aifa) che autorizza quelli disponibili per la stagione 2015-2016. Secondo la procedura Centralizzata dell'European Medicines Agency (EMA), sono stati registrati Intanza (Sanofi Pasteur), Optaflu (Novartis) e Fluenz Tetra (Medimmune). Come ogni autunno, la campagna vaccinale partirà dalla metà di ottobre e durerà fino a fine dicembre. È raccomandata, e sarà offerta gratuitamente, agli anziani, a donne incinta, malati cronici e lavoratori sanitari. La protezione indotta dal vaccino comincia circa dopo due settimane dall'inoculazione e dura per  un periodo di sei-otto mesi per poi decrescere. Per questo, ricorda Aifa, «è necessario sottoporsi a vaccinazione  antinfluenzale all'inizio di ogni nuova stagione influenzale
anche quando la composizione dei vaccini rimane invariata rispetto alla precedente stagione». Segnalare eventuali reazioni avverse sospette che si dovessero verificare dopo la somministrazione del vaccino, sottolinea l'agenzia regolatoria, è «importante, in quanto contribuisce al monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale».

Tuttavia, non sempre l'influenza è colpa del virus di stagione. «Studi recenti hanno evidenziato come, in percentuali diverse, i fenomeni influenzali diagnosticati costituivano diverse forme infettive respiratorie dovute a virus respiratori di altro tipo, in particolare quello sinciziale», spiega Tiziana Lazzarotto, virologa di Bologna e componente del direttivo Amcli  (Associazione microbiologi clinici italiani). Quindi, è giusto vaccinarsi, ricorda Lazzarotto, ma farlo «non esclude che nei  mesi freddi si possa incorrere in infezioni respiratorie anche severe in quanto altri virus sono i responsabili di oltre il 30% degli eventi, soprattutto tra i bambini».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X