Giovedì, 26 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società La cometa Rosetta si "rinnova" ogni giorno
ULTIME DALLO SPAZIO

La cometa Rosetta si "rinnova" ogni giorno

ROMA. La superficie ghiacciata della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko evapora e si ricompone ogni 'giorno': il ghiaccio evapora con i primi raggi di Sole e si riforma nelle ore di buio grazie alla risalita di vapore dall'interno. A scoprirlo sono stati i ricercatori italiani coordinati da Maria Cristina De Sanctis, dell'Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziale dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), il cui lavoro pubblicato su Nature svela i meccanismi che alimentano l'attività della cometa.

«È la prima volta che osserviamo su una cometa fenomeni che variano nel tempo, ossia dei cicli ricorrenti», ha spiegato la ricercatrice italiana. A rivelarli è stato lo strumento Virtis, sviluppato dall'Inaf e realizzato da Selex Es (gruppo Finmeccanica) grazie al contributo dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi), che si trova a bordo della sonda Rosetta, dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa). Si tratta di un sottile strato di ghiaccio che sublima (evapora senza passare dallo stato liquido) quando viene scaldato dal Sole e che si rigenera nelle ore fredde alimentato dal vapore che risale dagli strati più interni.

«È un meccanismo di 'ricarica' - ha spiegato - che alimenta le emissioni della cometa. Se non esistesse questo meccanismo non vedremmo emissioni, il ghiaccio rimarrebbe confinato negli strati più profondi e freddi». La scoperta è stata fatta grazie ai dati presi da Rosetta quasi un anno fa, quando la cometa era ancora lontana dal Sole e la sua attività era molto bassa, tanto da permettere alla sonda di orbitarle molto vicino.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X