Venerdì, 22 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Per 42 minuti sott’acqua, ragazzo salvato con procedura estrema
SAN RAFFAELE

Per 42 minuti sott’acqua, ragazzo salvato con procedura estrema

MILANO. Rimasto sott'acqua per 42 minuti, le sue condizioni erano disperate, ma i medici rianimatori del S.Raffaele lo hanno salvato con una procedura estrema di assistenza meccanica con circolazione extracorporera. Il protagonista è Michael, 14 anni, che il 24 aprile si era gettato nel Naviglio, a Castelletto di Cuggiono, con 4 amici. Lui era però rimasto intrappolato a 2 metri di profondità e le acque torbide avevano ostacolato i soccorsi. Dopo 42 minuti, in arresto cardiaco, è stato portato a riva dai vigili del fuoco.

Portato d'urgenza al S.Raffaele, i medici rianimatori hanno tentato una procedura estrema di assistenza meccanica con circolazione extracorporera. Ma la ripresa è stata lenta e lunga. Oggi la comunicazione di Alberto Giangrillo, direttore dell'anestesia e rianimazione del S.Raffaele, alla presenza dei genitori: Michi sta bene, solo la gamba destra sotto il ginocchio è stata sacrificata, per un problema di perfusione sanguigna.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X