Venerdì, 10 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Mosse salvavita contro il tumore al testicolo
LE CINQUE REGOLE

Mosse salvavita contro il tumore al testicolo

MADRID. Gli uomini dovrebbero imparare a fare l'autopalpazione dei testicoli, come la donna fa con il seno, per individuare anomalie che possono far pensare a un tumore. Lo hanno affermato gli esperti durante il Congresso della Società Europea di Urologia (Eau 2015) che si tiene a Madrid fino a domani, che hanno individuato le cinque mosse salvavita per la diagnosi.

"Il tumore al testicolo - spiega Vincenzo Mirone, Segretario Generale della Società Italiana di Urologia (Siu) - è la neoplasia più comune nei giovani maschi con età compresa fra i 25 e i 49 anni, rappresentando circa l'1% del totale e il 3-10% di quelli che colpiscono l'apparato urogenitale maschile".

La prima delle cinque regole individate dalla Siu prevede di avvolgere il testicolo, prima uno e poi l'altro, nel palmo delle mani; la seconda di esaminarlo facendolo ruotare accuratamente tra pollice e indice di entrambe le mani. Quindi la terza mossa, il sensibile ausilio delle dita che devono andare a caccia di noduli duri, gonfiori morbidi o tondeggianti o di qualsiasi altra anomalia, riferendone la presenza al medico. La quarta regola dell'autopalpazione è la periodicità della procedura, poiché per essere utile deve essere ripetuta mensilmente e dopo un bagno caldo, quando cioè il sacco scrotale è rilassato e meglio ispezionabile. C'è anche una quinta ulteriore condizione di efficacia, un inizio precoce della palpazione.

© Riproduzione riservata

PERSONE: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X