Venerdì, 21 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Sopravvivere al freddo, il segreto dei polpi sta nel "sangue blu"
NELL'ANTARTICO

Sopravvivere al freddo, il segreto dei polpi sta nel "sangue blu"

ROMA. Il sangue blu è il 'segreto' grazie al quale i polpi dell'Antartico riescono a sopravvivere a temperature molto rigide e potrebbero essere più versatili di altre specie di polpo e degli altri pesci antartici rispetto ai cambiamenti climatici. E' quanto emerge da uno studio di ricercatori dell'istituto tedesco Alfred-Wegener pubblicato su Frontiers in Zoology. Decisiva, secondo i ricercatori, la presenza di pigmenti blu nella proteina respiratoria di questi animali, l'emocianina.

I polpi dell'Antartico che vivono in acque gelide usano una strategia unica per il trasporto di ossigeno nel sangue. "Questo è il primo studio che fornisce la prova evidente che il pigmento blu del sangue dei polpi, contenuto nell'emocianina (utilizzata da alcuni artropodi e molluschi come proteina respiratoria, analoga all'emoglobina dei vertebrati), subisce dei cambiamenti per migliorare l'apporto di ossigeno ai tessuti a temperature sotto lo zero.

Questo - spiega Michael Oellermann dell'istituto Alfred-Wegener - è importante perché mette in luce una risposta molto diversa rispetto agli altri abitanti dell'Oceano Antartico rispetto alle condizioni di freddo. I risultati implicano anche che grazie alla migliore fornitura di ossigeno garantita dall'emocianina a temperature più elevate, la specie di polpo esaminata sarà anche meglio attrezzata fisiologicamente rispetto agli altri pesci dell'Antartico per affrontare il riscaldamento globale".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X