Venerdì, 21 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Impennata di infarti nei lunedì dopo l'ora legale
CAMPAGNA PER ABOLIRLA

Impennata di infarti nei lunedì dopo l'ora legale

ROMA. Attenzione al lunedi' dopo l'introduzione dell'ora legale a primavera appena scattata in America, ossia quando si perde un'ora di sonno: uno studio dell'universita' del Michigan ha osservato un'impennata dei casi di infarto nel primo giorno lavorativo dopo il cambio dell'ora.

Pari addirittura al 24-25% in piu' dei casi rispetto ad un giorno normale.

L'aumento degli infarti inciderebbe per i quattro lunedi' successivi all'inizio dell'ora legale, confermando l'ipotesi dei cardiologi che i 'lunedi' sono i giorni piu' pericolosi per il cuore. Al contrario - spiega l'analisi che ha analizzato i dati relativi a pazienti degli ospedali del Michigan tra il gennaio 2010 ed il settembre 2013 - a settembre-ottobre, quando l'orologio torna indietro di un'ora e si dorme di piu', i casi di infarto registrati nei lunedi' successivi sono risultati diminuiti del 21%.

Proprio citando questi dati, attivisti in diversi Stati - in testa il Colorado ed il New Mexico - stanno lanciando una campagna per abolire il cambio dell'orario due volte l'anno, promuovendo invece un'ora 'legale' che duri per tutti i 365 giorni.

Secondo Hindter Gurm, il cardiologo autore dello studio, le ragioni dell'aumento degli infarti non sono state provate scientificamente, ma appaiono legate alla perdita di sonno:"I cambiamenti che osserviamo sono solo lievemente percettibili, ma quando lo stress aumenta, i casi di infarto salgono".Gurm suggerisce di adattarsi all'ora legale 'lentamente', 15 minuti a notte sino a stabilizzarsi sull'ora perduta.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X