Sabato, 23 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società La super risonanza che "brucia" i tumori, test in Italia
LUNEDI' 2 MARZO

La super risonanza che "brucia" i tumori, test in Italia

Una realtà all'avanguardia non solo in Italia ma in Europa «e che consentirà - sottolinea Dino Amadori, direttore scientifico dell'Istituto - di dare al via ad una piano di ricerca per la diagnosi e cura dei tumori unico nel panorama internazionale»

ROMA. Una 'super' risonanza magnetica combinata con un macchinario che emette ultrasuoni ad altissima intensità, focalizzandoli in un punto in modo da 'bruciare le cellule tumorali con precisione, in modo non invasivo e con l'assenza quasi totale di effetti collaterali. È l'innovativo macchinario che verrà inaugurato lunedì 2 marzo presso l'Irst (Istituto scientifico romagnolo per la cura dei tumori).

Una realtà all'avanguardia non solo in Italia ma in Europa «e che consentirà - sottolinea Dino Amadori, direttore scientifico dell'Istituto - di dare al via ad una piano di ricerca per la diagnosi e cura dei tumori unico nel panorama internazionale».

Per i prossimi tre anni saranno portati avanti tre progetti sperimentali per valutare l'accuratezza diagnostica, sicurezza, tollerabilità, comfort e costo-efficacia di questo tipo d'indagine, la capacità della risonanza nell'individuare i danni procurati al fegato dai farmaci chemioterapici e l'utilizzo degli ultrasuoni focalizzati ad alta intensità nel trattamento dalle metastasi ossee e del dolore.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X