Sabato, 27 Febbraio 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Aggiusta e riusa, arrivano i Restart Party: piccola rivoluzione di vita
LA TENDENZA

Aggiusta e riusa, arrivano i Restart Party: piccola rivoluzione di vita

ROMA. Vivere secondo le quattro R - riduci, ripara, ricicla, riusa - è il nuovo lifestyle ma si fa presto a dirlo, un po' meno a farlo. L'importante è provarci e non arrendersi. Fortunatamente sul tema non si è soli ma c'è tutto un mondo intorno. Ecco così che la tendenza di collaborare e aiutarsi per cambiare stile di vita si afferma anche da noi e in molte forme. Una di queste, nata in Inghilterra ed esportata in tutto il mondo arriva, con successo, anche in Italia. Si tratta dei Restart Party: incontri pubblici e vere e proprie feste in cui volontari “aggiusta-tutto” mettono a disposizione la propria professionalità e competenza per aiutare le persone nell’aggiustare oggetti di piccola tecnologia e di uso quotidiano che altrimenti finirebbero per  ingrossare le discariche tecnologiche di cui ormai siamo pieni.

Sull'onda del piccolo caso cinematografico di The Repairman, opera prima di Paolo Mitton, storia curiosa e ironica delle disavventure di un ingegnere mancato che si guadagna da vivere riparando macchine da caffè si è creato un movimento di associazioni e un portale web che al motto di 'Ogni riparazione è una piccola rivoluzione' raccoglie diverse sensibilità vicine a temi quanto mai attuali quali il recupero, il riuso, la migliore gestione e il migliore consumo delle risorse, facendosi promotrici di un pensiero comune. Il sito si chiama Viva la reparacion e le associazioni che hanno fatto di Scanio una sorta di icona di stile di vita alternativo sono Legambiente Italia, Slow Food Italia, Collisioni 2015, Aiace Torino, Arci Asti, Langhe e Roero, Cinemavekkio, Basta Un Seme, Restarters.

Riparare la tecnologia, digitale o analogica, a costo zero, lottando contro gli sprechi del consumismo sfrenato, istigato dalla “obsolescenza programmata” di tutti quei device di cui non possiamo fare a meno (anche di rinnovare ciclicamente). Così è nato il Restart Project, esperienza no profit che da Camden e Brixton e Londra è diventata, complice la frustazione di tanti, un modo di vivere e rapportarsi, lento, alla tecnologia. Il  format è stato inventato da due trentenni, un italiano e una britannica

I Restart party avranno il loro 'red carpet'  venerdì 27 febbraio a partire dalle 19,30 al Nuovo Cinema Aquila di Roma in occasione della presentazione al pubblico di “The Repairman”, che sarà proiettato alle 21.30 alla presenza del regista, degli interpreti Daniele Savoca, Hannah Croft, Paolo Giangrasso, Fabio Marchisio, accompagnati dal produttore Filippo Margiaria e dal distributore Terenzio Cugia.  In quell'occasione i volontari restarters dell’Associazione Basta un Seme aiuteranno chi non ha dimestichezza con pinze, cacciaviti, saldatori e martelli, ma ha la necessità di fare piccole riparazioni e configurazioni su cellulari, computer e qualsiasi altro piccolo elettrodomestico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X