Mercoledì, 14 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società L'asteroide da record ha una piccola Luna
ULTIME DALLO SPAZIO

L'asteroide da record ha una piccola Luna

ROMA. L'asteroide da record, 2004 BL86, che ha appena salutato la Terra ha una piccola Luna. È la sorpresa che arriva dalle immagini radar della Nasa condotte con l'antenna del Deep Space Network a Goldstone durante il passaggio ravvicinato. Con le 20 immagini ottenute è stato realizzato anche un video dove si vede l'asteroide in movimento
accompagnato dal suo piccolo satellite.

Le informazioni radar hanno permesso di misurare con precisione anche il diametro dei due oggetti celesti: il corpo principale ha il diametro di circa 325 metri e la piccola luna di circa 70 metri. Nella popolazione di asteroidi vicini alla Terra di questa grandezza, sottolinea la Nasa, gli asteroidi che hanno dei 'partner', ossia una luna o addirittura due, sono
circa il 16%. Questo sasso cosmico si è avvicinato a circa 1,2 milioni di chilometri dal nostro pianeta (3,1 volte la distanza Terra-Luna) e sarà il passaggio più ravvicinato di un asteroide di questa grandezza dei prossimi 12 anni, ossia fino al 2027 quando si avvicinerà alla Terra 1999 AN10. Per questa ragione è un evento memorabile, inoltre è stata un'occasione preziosissima per studiare da vicino l'oggetto.

La Nasa ha condotto osservazioni radar con tre osservatori: di Goldstone, in California, Arecibo a Puerto Rico e il Very Long Baseline Array (Vlba) nel Nuovo Messico.
La tecnica radar, rileva l'Agenzia Spaziale americana, è molto efficace per studiare dimensioni, forma, rotazione, caratteristiche della superficie di un asteroide. Informazioni
importanti per migliorare il calcolo delle orbite degli asteroidi. Misure radar delle distanze degli asteroidi e le velocità spesso consentono di prevedere le loro orbite future
anche con molti anni di anticipo. Lo studio gli asteroidi, sottolinea la Nasa, ha un obiettivo duplice: calcolare le loro orbite per prevedere le potenziali minacce e conoscere meglio questi fossili del Sistema Solare che possono aiutare a comprendere come si è formato il nostro sistema e l'origine delle molecole organiche che hanno portato allo sviluppo della vita.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X