Domenica, 25 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Settembre 2014 il più caldo mai registrato dal 1880
METEO

Settembre 2014 il più caldo mai registrato dal 1880

Il trend potrebbe portare il 2014 a diventare l'anno più rovente della storia

ROMA. Dopo maggio e agosto, nuovo record di caldo a settembre: la temperatura mondiale combinata di terra e oceani è stata più rovente di quanto finora fosse mai capitato per il mese a cavallo tra l'estate e l'autunno. I nuovi dati riportati dal Goddard Institute for Space Studies (Giss) della Nasa sottolineano ora la forte probabilità che il 2014 possa diventare l'anno più caldo della storia.

Togliendo il 'podio' a settembre 2005, quello del 2014 è stato il settembre più caldo mai registrato a livello mondiale dal momento in cui sono cominciate le rilevazioni nel 1880: il termometro ha segnato una media di 0,77 gradi al di sopra della temperatura media globale combinata di terra ed oceano nel periodo tra il 1951 e il 1980. Considerando l'intero anno trascorso - che ha registrato, secondo le analisi del Giss, una media di 0,65 gradi superiori alla media - attualmente il 2014 è sulla strada per diventare il secondo anno più caldo mai registrato dopo il 2010. Se questa tendenza al riscaldamento, come probabile, continuerà fino a dicembre, il 2014 riuscirà ad aggiudicarsi la "medaglia" per l'anno più caldo finora mai registrato.

Solamente per quanto riguarda la superficie terrestre globale, il settembre appena passato - insieme a quello del 2013 - è stato definito il più caldo mai rilevato con una media di 0,99 gradi Celsius sopra la media del 1951-1980. Prendendo in considerazione poi l'emisfero settentrionale, il mese scorso è risultato il terzo settembre più caldo registrato dopo 2005 e 2012, mentre l'emisfero meridionale si attesta al secondo posto - con una media di 0,75 gradi sopra la media - dietro solamente al 2013 in cui era stata raggiunta un'anomalia di 0,81 gradi superiori alla media.

Questa tendenza all'innalzamento delle temperature è stata alimentata in gran parte anche dagli oceani che in alcune zone hanno registrato record di caldo sia in agosto sia nell'intero periodo gennaio-agosto. Più in generale, i ricercatori del Noaa (National Oceanic and Atmospheric Administration) spiegano che grande rilievo nel riscaldamento dei mari può essere dato dalla presenza del Nino: l'oscillazione meridionale porta infatti a registrare temperature superficiali più calde in ampie zone dell'Oceano Pacifico tendendo anche ad aumentare le temperature globali.

Nonostante nel 2014 non sia stato ancora riscontrato l'arrivo del fenomeno climatico, finora i cinque anni più caldi censiti (2010, 2005, 1998, 2013 e 2003), ne hanno tutti osservato la presenza ad esclusione del 2013. Nonostante El Nino non si sia ancora ufficialmente sviluppato nel 2014, secondo gli esperti c'è il 65% di possibilità che si verifichi entro fine anno, rafforzando l'idea che il 2014 possa diventare l'anno più caldo della storia mai registrato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X