Mercoledì, 30 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Salute

Home Salute Se la diagnosi la fa «il Dottor Google», l'allarme dei medici
IL FORUM

Se la diagnosi la fa «il Dottor Google», l'allarme dei medici

Lo hanno chiamato «il Dottor Google». Una figura virtuale, sfuggente, capace però di generare «disturbi informativi» reali e molto pericolosi. Il fenomeno delle persone che si presentano dal medico chiedendo un trattamento personalizzato sulla base delle indicazioni che hanno trovato su internet, fra i social network o in qualche chat, è stato discusso a Torino nel Cracking Cancer Forum, un convegno fra specialisti organizzato da Koncept che ha permesso di confrontarsi sull’organizzazione delle reti oncologiche, focalizzarsi sull’esperienza dei pazienti e capire come funziona la disinformazione sui tumori.

I pazienti arrivano dal medico e chiedono le cure lette sul web

«Un argomento che abbiamo voluto affrontare - spiega Loredana Masseria, responsabile comunicazione della Rete oncologica Asl Città di Torino - è un terzo incomodo della nostra società, che non è un luogo fisico, ma virtuale: sono i social media. Il Dottor Google crea disturbi informativi nella cittadinanza, con persone che molto spesso arrivano dal medico con dei pacchetti di cure che vorrebbero. E questo crea un attrito». In particolare è stato Guido Giustetto, presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Torino, a descrivere «i rischi dei disturbi informativi». Tanti altri sono stati i temi toccati nel corso del forum. A cominciare dall’organizzazione delle reti oncologiche. «Oggi - ha spiegato Gianni Amunni, direttore del Dipartimento di Oncologia, Azienda Usl Toscana Nord Ovest - ce ne sono di strutturate in Piemonte, Val d’Aosta, Liguria, Veneto, Toscana, Umbria, Sicilia, Campania e Puglia. Qualcosa si muove anche in Emilia-Romagna e Marche. Ora, con le opportunità del Pnrr, credo che sia arrivato il tempo per dire che realizzare queste reti non è più oggetto di discussione: è in discussione come farlo». Non sono stati tralasciati temi come la prevenzione e l’esperienza dei pazienti negli ospedali. Franca Fagioli, direttrice del dipartimento Patologia e cura del bambino del Regina Margherita di Torino, ha raccontato come le scuole siano presenti per seguire i ragazzi anche quando sono in reparto.

La prossima edizione in Sicilia

La prossima edizione del Cracking Cancer Forum si svolgerà in Sicilia. Il passaggio di consegne è avvenuto stamani durante il panel «Le reti del futuro: elaborazione di un documento condiviso», dove è stato invitato il Coordinatore della Rete oncologica siciliana Vincenzo Adamo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X