Domenica, 09 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Salute

Home Salute Trombosi, ecco i sintomi: ogni anno 600mila casi e 200mila morti in Italia
EMATOLOGIA

Trombosi, ecco i sintomi: ogni anno 600mila casi e 200mila morti in Italia

coronavirus, trombosi, vaccino, Sicilia, Salute
una foto d'archivio

La testa piena con un dolore molto forte che non passa per alcuni giorni: è questo uno dei sintomi che deve mettere in allarme e che può essere un segnale di una possibile trombosi dei seni venosi cerebrali. A spiegarlo è l'ematologa Lidia Rota Vender, presidente di Alt (Associazione per la lotta alla trombosi). "Si tratta del tipo di trombosi associata più spesso ai contraccettivi orali e al parto - continua è anche per questo che è più frequente nelle donne".

I casi di trombosi sotto esame ora, perché avvenuti a poca distanza del vaccino di AstraZeneca, "possono essere una coincidenza temporale - sottolinea - Non dobbiamo dimenticare che ogni anno in Italia ci sono 600.000 casi e 200.000 persone che muoiono per malattie da trombosi".

A chi ha un maggior rischio di trombosi, perché magari ha già avuto un evento di trombosi, o presenta una mutazione in alcuni fattori della coagulazione, come il fattore V di Leiden o II della protrombina (frequenti queste ultime due fino a 5 persone su 100) e ha già fatto la prima dose di vaccino può stare tranquillo - sottolinea Rota Vender - Anche chi deve fare la seconda dose può stare tranquillo".

Chi invece ancora non ha fatto il vaccino e presenta questi fattori di trombofilia, conclude, "può sentire il proprio medico curante per fare una valutazione del proprio rischio. Ma dobbiamo aspettare l'esito delle ricerche scientifiche, visto che al momento non abbiamo notizie certe né dati pubblicati".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X