Lunedì, 14 Ottobre 2019
RICERCA

Alzheimer, in Sicilia oltre 55mila casi: la nuova frontiera è il metodo protesico

Ricostruire un ambiente familiare, che rievoca il suo passato, i ricordi e gli affetti per non perdere la propria identità e cercare di tenere viva la memoria nonostante la malattia. È  il "metodo protesico", la nuova frontiera di terapia psicologica utilizzata per curare i pazienti malati di Alzheimer, che è stata illustrata nel corso di un incontro promosso e organizzato dalla struttura sanitaria Karol, in occasione della giornata mondiale dell'Alzheimer, che ha visto la partecipazione del presidente della Karol, Marco Zummo, del direttore sanitario

Linda Scalisi, del direttore della struttura Sergio La Bruna e dell'assistente sociale Roberta Peri. Un metodo rivoluzionario sul fronte della terapia che è stato adottato per la prima volta proprio dalla Karol, dove ogni stanza del paziente viene allestita con elementi che rievocano il loro vissuto. C'è il caso di un ex giocatore del Palermo, per esempio, che oggi ha ottantatré anni, nella cui stanza è stato creato un angolo con figurine dei giocatori, magliette e altri gadget rosanero utilizzati per stimolare la memoria. O ancora il caso di una sarta, a cui sono stati consegnati ago e filo e metro per prendere le misure degli abiti. Ma non solo in struttura c'è anche un giardino da far coltivare ai pazienti e anche un centro estetico dove le donne malate hanno la possibilità di prendersi cura del loro corpo.

"Nella giornata mondiale dell'Alzheimer - spiega Marco Zummo - abbiamo voluto organizzare questo incontro perché siamo stati i primi ad utilizzare questo metodo,  e adesso siamo orgogliosi dei risultati positivi ottenuti. Purtroppo la malattia è in crescita, sono infatti oltre cinquantacinque mila i casi registrati in Sicilia e l'aspetto più preoccupante è che l'Alzheimer colpisce anche in età giovanile, abbiamo infatti avuto in struttura casi anche di cinquantenni".

"L'obiettivo - spiega la dottoressa Scalisi- è il benessere del paziente perché solo così si eliminano quelle condizioni di stress che portano all'aggressività nel paziente, evitando così la terapia farmacologica e migliorando la qualità della vita dei malati. Su questo fronte - conclude la Scalisi - abbiamo promosso anche altri progetti, come la musicoterapia e altri ai quali stiamo lavorando, tutti concepiti per garantire il più totale relax ai pazienti perché convinti che la riabilitazione è importante non solo dal punto di vista fisico ma soprattutto psicologico".  L'incontro si è concluso con l'esibizione dell'orchestra del Conservatorio Bellini.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X