Sabato, 21 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Salute

Home Salute Gozzo sconfitto per i bimbi siciliani: "Assumono sale iodato"
PREVENZIONE

Gozzo sconfitto per i bimbi siciliani: "Assumono sale iodato"

ROMA. Oltre il 60% di tutto il sale venduto in Italia è iodato.

I bambini di Liguria, Toscana, Marche, Lazio e Sicilia ne assumono a sufficienza con l’alimentazione, tanto che in tutte queste Regioni (tranne le Marche) il gozzo in età scolare è stato praticamente sconfitto.

A rilevarlo è l'Osservatorio nazionale per il monitoraggio della iodoprofilassi in Italia (Osnami) dell’Istituto superiore di sanità (Iss), che ha presentato i dati in un convegno al Ministero della Salute.

Antonella Olivieri, responsabile dell’Osnami, ha tracciato un bilancio della legge sulla iodoprofilassi: «A 12 anni dalla sua approvazione, lo stato nutrizionale iodico degli italiani è migliorato - rileva - Il sale iodato su quello venduto nella grande distribuzione è arrivato al 60%. Prima della legge, era solo il 30%. Ma bisogna ancora lavorare: l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda l’80-85%».

I dati sulla ioduria (cioè la presenza di iodio nel'organismo) raccolti su 2500 bambini in età scolare tra il 2015 e 2016, mostrano che è sufficiente in Liguria, Toscana, Marche e Lazio, e 'quasi sufficientè in Sicilia.

Il risultato più importante ottenuto in questi ultimi due anni, commenta Olivieri, «è l’aver accertato che in Liguria, Toscana, Lazio e Sicilia il gozzo in età scolare è stato sconfitto».

E’ la prima volta che si può dire che, almeno in quattro Regioni, il gozzo nei bambini non è più una patologia endemica. Dati incoraggianti, aggiunge Olivieri, che "indicano che dobbiamo insistere con la iodoprofilassi».

A tal fine il Gruppo di Coordinamento Nazionale per la Iodoprofilassi del Ministero della Salute ha voluto promuovere un documento sull'uso del sale iodato in età adulta e pediatrica, con 13 tra società scientifiche e associazioni. Il messaggio è «poco sale, ma iodato, per prevenire le malattie legate all’eccessivo consumo di sale e i disordini da carenza iodica».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X