Domenica, 19 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo
COLDIRETTI

Alimenti, obbligatorie le etichette nutrizionali

ROMA. Da martedì scatta l'obbligo della dichiarazione nutrizionale sull'etichetta di tutti gli alimenti confezionati, che dovranno indicare le informazioni relative a valore energetico, quantità di grassi (di cui gli acidi grassi saturi), i carboidrati (di cui gli zuccheri), le proteine e il sale, espressi per 100 grammi o 100 millilitri di prodotto, e facoltativamente anche per porzione.

Da quella data infatti, fa sapere la Coldiretti, è prevista la completa entrata in vigore delle norme del Regolamento (UE) n. 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori.

Per la definizione dei valori da inserire nelle dichiarazioni nutrizionali, il produttore se vorrà potrà riferirsi o ad analisi specifiche presso i laboratori, o al calcolo sulla base di valori medi noti o effettivi, relativi agli ingredienti utilizzati o su dati generalmente stabiliti e accettati.

Si potranno anche indicare gli acidi grassi monoinsaturi, acidi grassi polinsaturi, polioli, amido, fibre e i sali minerali o vitamine se contenuti in quantità significative.

Il regolamento comunitario N. 1169/2011 - precisa Coldiretti - prevede anche alcune esenzioni dall'obbligo della dichiarazione nutrizionale:

- I prodotti non trasformati che comprendono un solo ingrediente o una sola categoria di ingredienti. Rientrano in questa categoria, ad esempio, gli ortofrutticoli di III gamma (frutta e verdure surgelate) e quelli di IV gamma (ortofrutta fresca, lavata, confezionata e pronta al consumo) che non hanno subito alcun trattamento o alcuna aggiunta di ingredienti all'infuori della stessa categoria, ortaggi o frutta, (ad esempio un mix di ortaggi freschi lavati, tagliati e confezionati o anche surgelati). Non ci rientra, invece, l'olio di oliva, considerato dalla Commissione europea un prodotto trasformato;

- I prodotti trasformati che sono stati sottoposti unicamente a maturazione e che comprendono un solo ingrediente o una sola categoria di ingredienti. Rientra in questa categoria, ad esempio, l'uva passa. Non vi rientra invece il prosciutto crudo, in quanto non è un monoingrediente a causa del passaggio del sale all'alimento a seguito della salagione (utilizzata per la maturazione/stagionatura);

- Le piante aromatiche, le spezie o le loro miscele;

- Gli alimenti confezionati in imballaggi o contenitori la cui superficie maggiore misura meno di 25 cm quadrati;

- Gli alimenti anche confezionati in maniera artigianale, forniti direttamente dal fabbricante di piccole quantità di prodotti al consumatore finale o a strutture locali di vendita al dettaglio che forniscono direttamente al consumatore finale. In relazione a questo punto la circolare interministeriale MISE-Salute n. 361078 del 16/11/2016 ha chiarito - precisa Coldiretti - che tale esenzione riguarda in sostanza i prodotti offerti in vendita diretta dalle microimprese, ossia quelle sotto i 2 milioni di euro e i 10 dipendenti, nell'ambito del circuito locale, che è quello della provincia dove ha sede l'impresa e le province limitrofe.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X