Mercoledì, 25 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Taxi green, navi in porto collegate alla rete elettrica, meno auto: la Sicilia presenta un piano a Roma
QUALITÀ DELL'ARIA

Taxi green, navi in porto collegate alla rete elettrica, meno auto: la Sicilia presenta un piano a Roma

Sicilia, Politica
La Regione progetta la riconversione green dei taxi

La Regione Siciliana - ne dà notizia l’assessore regionale all’Ambiente Toto Cordaro - ha presentato «una proposta al ministero della Transizione ecologica per migliorare la qualità dell’aria attraverso l’utilizzo delle risorse che ammontano a 25 milioni di euro per il periodo tra il 2021 e il 2028». La richiesta rientra nell’ambito del piano regionale della qualità dell’aria. «La proposta spiega Cordaro - permetterà di programmare e pianificare interventi strategici per contrastare l'inquinamento da traffico urbano e rendere sempre più sostenibili le nostre città».

Il piano per i taxi green

La fetta più grossa di risorse, pari a 16 milioni, è destinata a interventi mirati a incentivare la rottamazione dei veicoli commerciali e la sostituzione con veicoli green (misura 8). In particolare, l'obiettivo è di accelerare la rottamazione per i tassisti, le aziende locali di noleggio e i piccoli autotrasportatori. «Una scelta vincente, sia sotto il profilo del miglioramento della qualità dell’aria, essendo i taxi molto attivi nei centri ad alta densità demografica, che sotto il profilo del marketing territoriale, essendo i taxi molto visibili e utilizzati soprattutto dai turisti e dai professionisti», sottolinea il rappresentante del governo Musumeci.

Meno auto a Palermo, Catania, Messina e Siracusa

Altri 7 milioni di euro saranno destinati alla riduzione del volume del traffico veicolare (misura 1) nei comuni di Palermo, Catania, Messina e Siracusa, in continuità con il primo intervento già finanziato con 4 milioni di euro attraverso l'Accordo di programma e denominato «Programma sperimentale di mobilità sostenibile casa-lavoro/scuola nel territorio della Regione Siciliana».

L'allaccio elettrico per le navi

Gli ultimi 2 milioni verranno, infine, destinati agli interventi di allaccio delle navi in porto alla rete elettrica di terra nei porti di Palermo, Catania ed Augusta (misura 3) e al potenziamento dei controlli sui veicoli circolanti (misura 14).

Il portale web

L’assessorato, comunicano gli uffici, realizzerà un portale web dedicato proprio al monitoraggio delle attività svolte nell’ambito del piano regionale di tutela della qualità dell’aria e dell’Accordo di programma per garantire una visione in tempo reale di tutte le azioni che la Regione Siciliana sta mettendo in campo nella direzione della transizione ecologica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X