Mercoledì, 18 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Le restrizioni per il Covid, l'Anci Sicilia chiede chiarezza su norme nazionali e regionali
I SINDACI

Le restrizioni per il Covid, l'Anci Sicilia chiede chiarezza su norme nazionali e regionali

Sicilia, Politica
Il presidente dell’Anci Sicilia Leoluca Orlando

L’Assemblea dei sindaci siciliani, svoltasi oggi pomeriggio in videoconferenza, per valutare l’evoluzione della pandemia sui territori ha ribadito «la necessità di chiarezza sul rapporto esistente fra la normativa nazionale e quella regionale, con riferimento alle conseguenze derivanti dalla istituzione di zone gialle, arancioni e rosse e alle condizioni giuridiche per emanare le eventuali ordinanze sindacali».

La richiesta: dati certi su contagiati e vaccinati

Ha inoltre ribadito «la necessità di avere a disposizione, Comune per Comune, dati certi e aggiornati sul numero dei contagiati e dei vaccinati e sulla eventuale incidenza dei ricoveri sulle strutture sanitarie per evitare il ripetersi dello stato di incertezza e di preoccupazione dei giorni scorsi».

Scuole senza impianti di areazione e mancano le Ffpe

«In tale incerto contesto, come amministratori - spiega il presidente dell’Anci Sicilia Leoluca Orlando - abbiamo assistito alla crescente preoccupazione da parte del mondo scolastico e dei nostri concittadini per l’incremento esponenziale dei contagi e abbiamo evidenziato con forza, in una nota ufficiale e nel corso dell’ultima riunione della task force sulla scuola, l’assenza dei dati sull’andamento epidemiologico e l’inadeguatezza degli strumenti disponibili nelle strutture scolastiche, come la mancanza di mascherine Ffp2 e dei necessari impianti di areazione nelle aule».
«La posizione assunta da numerosi amministratori che hanno deciso di emanare le ordinanze (ex art. 50 del Tuel) tenendo conto dell’aumento esponenziale dei contagi - continua Orlando - è nata dalla necessità di scongiurare una reale condizione di pericolo che di fatto è poi stata confermata dalle ultime ordinanze del presidente della Regione, Nello Musumeci, che hanno sottoposto a provvedimenti restrittivi anti Covid - 19 e dichiarato in zona arancione, ben 149 comuni siciliani».

I rifiuti di chi è in quarantana: il ritiro va a rilento

«Chiediamo - conclude Orlando - inoltre che le altre istituzioni competenti e le autorità sanitarie si attivino per prevenire eventuali situazioni di pericolo rilevando e soprattutto arginando, in tempi rapidi, eventuali focolai».
Nel corso dell’assemblea è emersa, infine, anche la criticità relativa alla circostanza che alcune Asp, a causa dell’incremento dei contagi, non hanno più provveduto a svolgere il servizio di ritiro dei rifiuti domestici dei cittadini in quarantena. A tal proposito è stato sollecitato il ripristino del servizio di pertinenza delle Asp che, solo in qualche caso, potrà essere svolto dal Comune, previa intesa con l’Asp.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X