Domenica, 24 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica I parlamentari accusano: in Sicilia il 16 per cento dei depuratori non funziona
COMMISSIONE ECOMAFIE

I parlamentari accusano: in Sicilia il 16 per cento dei depuratori non funziona

Si conclude con pesanti contestazioni alla Regione la visita dell'organismo parlamentare che sta indagando sul trattamento delle acque reflue urbane. «Da Musumeci non avuto alcuna risposta alle mie domande», dice il senatore Lorefice
Sicilia, Politica
La Commissione Ecomafie a Palermo

«Il quadro è disastroso, dobbiamo rimediare subito»: non conosce mezzi termini il senatore Pietro Lorefice, componente della Commissione di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali, nota come Commissione Ecomafie. In questi giorni i componenti della commissione parlamentare sono a Palermo per completare un’indagine sui depuratori in Sicilia, cominciata due anni fa.

«Siamo arrivati - prosegue Lorefice -all’ultima fase del ciclo di audizioni dell’indagine sulla depurazione delle acque reflue urbane in Sicilia; un’inchiesta portata avanti con la commissione Ecomafie, che ci ha visto impegnati per oltre due anni e che adesso si appresta alla sua conclusione».

Ieri pomeriggio, presso la Prefettura di Palermo, si sono tenute le audizioni del presidente della Regione Nello Musumeci, dell’assessore regionale al Territorio e ambiente Toto Cordaro e dell’assessore regionale all’Energia e servizi di pubblica utilità, Daniela Baglieri. All’incontro hanno partecipato anche i dirigenti del dipartimento Acque e rifiuti Calogero Foti, del dipartimento Ambiente Giuseppe Battaglia e il direttore generale di Arpa Sicilia Vincenzo Infantino.

«Nella giornata di oggi - continua Lorefice - abbiamo invece effettuato un sopralluogo con la motovedetta adibita al campionamento delle acque della guardia costiera».
È il momento di stilare i bilanci. «Dopo mesi e mesi di incontri con sindaci, dirigenti, magistrati delle Procure dell’Isola e decine di ispezioni negli Impianti di depurazione siciliani - continua il parlamentare - emerge una situazione gravissima. Basti pensare che la mancata depurazione delle acque costa 160 mila euro al giorno, mentre dei 457 impianti di trattamento delle acque reflue, il 16% non è in funzione, il 20% non è stato sottoposto a collaudo; il restante, in pochi casi, completa il regolare ciclo di depurazione, sversando in mare acque inquinate».

Un quadro che Lorefice definisce «impietoso». Lorefice aggiunge qualche particolare delle audizioni. «A mie domande puntuali rivolte al “governatore” siciliano - racconta - sullo stato di finanziamento di 12 progetti in provincia di Caltanissetta, pronti per essere finanziati e che da mesi restano al palo, non ho ottenuto alcuna risposta. Si tratta di interventi su infrastrutture idriche, fognarie e depurative, per un valore di circa 19 milioni di euro. Più nel dettaglio: 11.191.862,67 di euro sono le somme previste per gli interventi nel settore idrico, nei comuni di Gela, Caltanissetta, Sutera, Milena, Niscemi, Riesi e Vallelunga Pratameno; mentre 7.784.000 di euro quelli destinati agli interventi fognari e depurativi nei comuni di Campofranco, Delia, Marianopoli, Caltanissetta e Serradifalco».

Poi Lorefice guarda al futuro. «Bisogna, adesso, a tutti i costi, garantire quegli interventi necessari a ristabilire l’efficienza e l’efficacia del servizio idrico integrato. Senza dimenticare la salvaguardia della salute pubblica e dell’ambiente», conclude.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X