Mercoledì, 19 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Draghi lima la squadra di governo, attesa per sottosegretari e staff di Palazzo Chigi
LE NOMINE

Draghi lima la squadra di governo, attesa per sottosegretari e staff di Palazzo Chigi

Al lavoro sul discorso programmatico in vista della fiducia - mercoledì in Senato, giovedì alla Camera - Mario Draghi mette a punto staff di Palazzo Chigi e squadra di sottogoverno. L’imminente nomina di viceministri e sottosegretari porta nuova agitazione tra le forze politiche, che dovranno però tenere conto della volontà del premier di scegliere ancora profili tecnici per caselle chiave nella gestione della macchina di governo.

Capo di gabinetto sarà Antonio Funiciello, 45 anni, laureato in Filosofia all’Università Federico II di Napoli e grande esperto di comunicazione. Per i tipi di Rizzoli, nel 2019 Funiciello ha scritto «Il metodo Machiavelli», un saggio che a partire dalla sua personale esperienza di chief of staff del premier Paolo Gentiloni racconta tratti e caratteristiche del «leader e dei suoi consiglieri». Verso la conferma Roberto Chieppa, Segretario generale di Palazzo Chigi nell’ultimo governo Conte.

Delicate alcune scelte, che facilmente slitteranno alla settimana successiva alla fiducia, come quella del sottosegretario all’editoria. Pd e M5s lo chiedono per sé, mentre non si esclude un ruolo tecnico di alto profilo. Certamente tecnici saranno anche altri nomi, anche se Draghi pensa di dare spazi ai partiti con deleghe specifiche. Resta alta la tensione nel Pd sull'assenza di donne nella squadra di governo, con l’intenzione del sottosegretario Nicola Zingaretti di dare loro ampio spazio nei ruoli di viceministro e sottosegretari.

Nel mirino del centrodestra ancora la scelta del ministro Speranza di tenere ancora in stop la ragione sciistica. Matteo Salvini è sul piede di guerra anche con la ministra Lamorgese sull'immigrazione. Quanto al M5s - dove il fondatore di Rousseau Davide Casaleggio continua a sostenere la possibile astensione al governo Draghi - da registrare oggi la posizione di Giuseppe Brescia, presidente della Commissione Affari costituzionali della Camera.

«Staremo nella maggioranza con spirito critico. Dovremo difendere i risultati e le conquiste di questi due anni di governo», avverte garantendo che i cinque stelle faranno pesare in Parlamento la loro forza numerica.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X