Lunedì, 06 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Casaleggio e Grillo a Roma: "Sul governo Draghi M5s voterà su Rousseau". Apertura della Lega
CRISI

Casaleggio e Grillo a Roma: "Sul governo Draghi M5s voterà su Rousseau". Apertura della Lega

governo, m5s, Beppe Grillo, Davide Casaleggio, Sicilia, Politica
Davide Casaleggio

Beppe Grillo a Roma per guidare la delegazione del Movimento Cinque Stelle che domani sarà ricevuta dal premier incaricato Mario Draghi nell'ambito delle consultazioni per la formazione del nuovo governo.

Ma oltre al garante del M5s, nella capitale è arrivato anche Davide Casaleggio, che reclama un voto on line dei militanti per stabilire se appoggiare o meno il nuovo esecutivo. "Ho incontrato diversi parlamentari e ministri - dice - c'è ampio consenso sul fatto che l'unico modo per avere una coesione del Movimento 5 stelle sia quello di chiedere agli iscritti su Rousseau".
Ed il Movimento non è l'unico ad interrogarsi sul nuovo governo. Anche la Lega deve decidere se aderire all'esecutivo Draghi. Matteo Salvini fissa in questo senso un paletto: il sostegno del suo partito passa anche dalla partecipazione di ministri leghisti. "Se ci siamo, ci siamo. Non facciamo le cose a metà. Se non ci siamo, collaboriamo come opposizione come abbiamo fatto in questo anno e mezzo".

Nel frattempo l'ex presidente della Bce prosegue il suo giro di consultazioni. Il premier incaricato ha incontrato il gruppo della Autonomie del Senato ricevendo il sostegno e la richiesta di un "governo politico" il cui perimetro dovrebbe essere quello della cosiddetta maggioranza europeista "Ursula", che arrivi fino a Forza Italia: "Sarebbe perfetto, con i governi tecnici non abbiamo avuto buone esperienze", dice Julia Unterberger.
Anche la delegazione di Leu non chiude a Draghi, ma chiede di valutare il perimetro della futura maggioranza: "La base parlamentare deve essere coesa e deve avere un minimo di omogeneità", mette in chiaro il capogruppo alla Camera Federico Fornaro, mentre Loredana De Petris parla di "incompatibilità con la presenza di forze come la Lega e sovraniste della destra".
Per Leu, la sfida del premier incaricato è anche sui provvedimenti: "Non firmeremo mai il programma di un governo in cui ci sia la flat tax". A chiudere la mattinata èMatteo Renzi con la delegazione di Iv, mentre nel pomeriggio ad incontrare l'ex presidente della Bce saranno Fratelli d'Italia, il Pd e Forza Italia con Silvio Berlusconi.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X