Lunedì, 17 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Manovra: ok alla Camera con 298 sì, adesso il testo passa al Senato
125 NO

Manovra: ok alla Camera con 298 sì, adesso il testo passa al Senato

manovra, Giuseppe Conte, Sicilia, Politica
Il premier Giuseppe Conte

Via libera della Camera alla manovra: il voto finale ha ottenuto 298 sì, 125 no e 8 astenuti. Il testo della legge di Bilancio passa ora al Senato per il via libera definitivo. Un via libera definitivo ancora più veloce per scongiurare l’esercizio provvisorio, alle porte tra appena 4 giorni. Con l’ok di Montecitorio (298 sì, 125 contrari e 8 astenuti) prende la sua forma definitiva e passa al Senato per il 'timbro' la maxi-manovra da 40 miliardi, la più corposa degli ultimi anni, che doveva mettere le basi della ripartenza e si è risolta in gran parte in nuove misure tampone per scongiurare il tracollo dell’economia.

Il governo supera indenne il passaggio della legge di Bilancio nel pieno della seconda ondata dell’epidemia e mentre gli equilibri rischiano di andare in frantumi sul Recovery Plan, che ancora non è composto e già ha fatto litigare gli alleati. Dai 5 miliardi per la Cig al miliardo tra acquisto dei vaccini e l’assunzione di medici e infermieri per somministrarli, fino ai 40 milioni per i buoni spesa alle famiglie più in difficoltà, è la crisi dell’economia, intanto, che detta gran parte degli interventi della manovra e guida la mano dei deputati per le modifiche di maggiore impatto.

Su tutte il pacchetto per gli autonomi, dall’anno bianco a un primo abbozzo di 'cig' anche per le partite Iva. L’esonero dei contributi, nei primi calcoli della Lega, potrebbe valere fino a 3.700 euro, ma sarà un decreto ministeriale a stabilire come sarà assegnato il miliardo stanziato per circa 300mila partite Iva con ricavi sotto i 50mila euro e perdite di almeno un terzo del fatturato. Possibile che già con il prossimo scostamento e quello che, almeno negli auspici, sarà il decreto Ristori 'finalè di gennaio, la dote per gli autonomi sia rimpinguata anche per estendere l’ammortizzatore (un assegno per massimo 6 mesi tra i 250 e gli 800 euro) ai professionisti iscritti agli ordini. Proprio la previsione di ulteriore extra-deficit a inizio 2021 (si è parlato di 20 miliardi ma le necessità aumentano di giorno in giorno) ha consentito di liberare un 'tesorettò mai visto per assecondare gli appetiti parlamentari, quasi 5 miliardi.

E quello che non si è riuscito a finanziare subito in gran parte si è trasformato in impegni per il governo con centinaia di ordini del giorno, compresa la promessa di interventi per Roma Capitale. In poco più di 48 ore in commissione, i deputati hanno comunque portato a casa 254 emendamenti, di cui oltre un terzo con micro-stanziamenti sotto i 5 milioni, e un pacchetto di nuovi aiuti a trasporto aereo e automotive da circa 1 miliardo complessivo, in gran parte grazie al 'fondone anti-Covid’da 3,8 miliardi. A rimanere fuori al momento, tra le richieste ricorrenti, il settore del wedding e degli eventi - penalizzato dal calcolo sul solo mese di aprile degli indennizzi - e tutto lo sci, che dovrebbe essere in cima alla lista dei nuovi ristori. Agricoltura e turismo sono tra le filiere che incassano di più. Per le attività turistiche arriva un altro mezzo miliardo, dall’esonero Imu per alberghi e stabilimenti fino alla formazione degli operatori con 1 milione per il turismo esperienziale, mentre gli aiuti per il comparto agricolo spaziano dagli esoneri contributivi per gli addetti agli aiuti alle singole filiere, dal vino di qualità ai suini. E se vengono estesi anche gli interventi a sostegno della cultura, all’ultimo spuntano - questa volta nel decreto Milleproroghe ancora atteso in Gazzetta Ufficiale - i 'Cinema bond'dell’Istituto Luce. Ma è il lavoro la scommessa e il rischio più grande per l'esecutivo: le 12 settimane aggiuntive di Cig Covid scadono a fine marzo per chi le ha usate senza interruzioni. E lo sblocco dei licenziamenti (vietati per un anno intero) rischia di creare una valanga di disoccupati. Per questo già nel testo base c'era la proroga dello sconto del 30% dei contributi nel Mezzogiorno e un nuovo piano di decontribuzione per l’assunzione di giovani e donne.

Un pacchetto rafforzato nel passaggio parlamentare con 50 milioni per il rientro delle neomamme al lavoro, con il ritorno dell’assegno di ricollocamento anche per i percettori di Naspi, i contratti di espansione e l’avvio di un nuovo programma GOL per l’inserimento di lavoratori disoccupati e di beneficiari del Reddito di cittadinanza di cui, nel frattempo si è rimpolpata la dote. Per il resto è stato un fiorire di micro-misure - dalle celebrazioni per gli 800 anni del primo presepe ai cani randagi - e di bonus, dai rubinetti salva-acqua agli occhiali agli eco-incentivi auto fino al compromesso sul superbonus, prorogato di altri 6 mesi (+6 per chi abbia superato il 60% di avanzamento lavori), in attesa di trovare un’intesa migliore con il Recovery Plan.

"Con l’approvazione odierna, in prima lettura alla Camera, della Legge di Bilancio, abbiamo stanziato altri 40 miliardi di euro e varato ulteriori misure per i cittadini in difficoltà: famiglie, imprese e lavoratori". È quanto afferma in una nota il capogruppo del MoVimento 5 Stelle alla Camera, Davide Crippa.

"Questa legge di bilancio non è la nostra legge di bilancio, e gli italiani lo devono sapere. Quello che abbiamo ottenuto non è sufficiente, ma sicuramente rispetto al passato almeno c'è stato un confronto tra maggioranza e opposizione, che si è anche tradotto nell’approvazione di alcuni emendamenti. Tutto questo non basta, e per questo non voteremo a favore di questo provvedimento". Lo ha detto Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo in Aula a Montecitorio durante le dichiarazioni di voto finale sulla legge di bilancio.

"È stato accolto l’ordine del giorno M5s che impegna il governo a portare avanti il progetto di maggiore autonomia amministrativa per Roma Capitale". Lo dichiarano in una nota i portavoce romani del MoVimento 5 Stelle alla Camera e al Senato, aggiungendo "stiamo lavorando a questo intervento normativo da inizio legislatura: già durante il primo Governo Conte, il M5s aveva visto approvare la sua mozione, a prima firma Silvestri, proprio su questo argomento. Ora è arrivato il momento di accelerare. Roma ha diritto ad avere autonomia amministrativa e poteri speciali come altre capitali europee. È fondamentale che il Governo intraprenda azioni immediate affinchè Roma possa avere accesso diretto ai fondi per trasporti, politiche sociali e a quelli indiretti europei".

"Con questo ordine del giorno, a prima firma Flati, arriviamo direttamente al fulcro della questione per Roma, senza passare da nuovi tavoli di lavoro. Siamo fiduciosi - conclude la nota - che si arrivi presto alla conclusione auspicata".

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X