Mercoledì, 30 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Musumeci all'attacco sul Recovery plan: "Ignorati dal governo. Covid? L'ordinanza tutela i siciliani"
REGIONE

Musumeci all'attacco sul Recovery plan: "Ignorati dal governo. Covid? L'ordinanza tutela i siciliani"

coronavirus, recovery plan, Nello Musumeci, Sicilia, Politica
Il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci

«Il Recovery plan lei sa cosa è? Io leggo ogni tanto i titoli sui giornali sull'argomento ma non mi pare che il governo nazionale si sia confrontato con la Regione siciliana per capire quali siano le priorità». A dirlo il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci a Messina per un incontro sulla zona Falcata alla soprintendenza dei beni culturali rispondendo alla domanda dei giornalisti che chiedevano cosa pensasse dell’esclusione del ponte sullo Stretto dai fondi previsti nel piano di recupero.

«Noi abbiamo - prosegue Musumeci - una nostra idea su come utilizzare i fondi prevedendo strategiche infrastrutture per tirare fuori la Sicilia dalla marginalità in cui si trova. Fino ad ora nonostante le sollecitazioni al Ministero delle infrastrutture, non c'è stato un confronto sereno e razionale da parte del governo nazionale con la Regione per capire da dove cominciare. Riteniamo che ci siano opere medie e grandi da realizzare, cominceremo con le mega opere nella misura in cui sapremo quali e quanti progetti potranno essere presentati ed entro quale periodo».

«Credo che il dialogo sia essenziale e sono convinto che - aggiunge - nelle prossime settimane arriverà il confronto. Il discorso sul ponte è aperto da 140 anni, per noi ci vuole questo collegamento stabile sullo Stretto di Messina per consentire il celere movimento di persone e merci».

Il governatore parla poi dell'ultima ordinanza pubblicata sulle nuove norme anti-Covid che verranno applicate in vista dei rientri in Sicilia per le festività natalizie. «Anche questa volta dobbiamo impedire i contagi con una cautela che consenta a chi si sottopone a tampone di poter trascorrere le festività con i propri cari, non è giusto penalizzarli ulteriormente».

«Il cittadino che vuole rientrare in Sicilia - aggiunge - che non sia un pendolare o che non si sia allontanato negli ultimi quattro giorni, lo può fare purchè porti l’attestazione di essersi sottoposto a tampone molecolare e di essere risultato negativo, in alternativa può partecipare al drive-in e sottoporsi al tampone rapido oppure può andare in un laboratorio privato fare il tampone a spese sue e sottoporlo all’Asp di competenza. In questo modo riusciamo a non rendere ulteriormente pesante e triste questa ricorrenza natalizia e evitare che ci possa essere una condotta superficiale tale da determinare una ricaduta in termini di contagio».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X